Norwegian

Norwegian, trimestrale e allarme liquidità a 0 nel Q12021

Tempo di lettura 2 minuti

Norwegian potrebbe azzerare le riserve di cassa nel primo trimestre del 2021 a meno che non si assicuri nuovi finanziamenti.

Nella giornata di oggi diffusi i dati del terzo trimestre 2020, una giornata difficile per Norwegian dopo il NO del governo norvegese a nuovi aiuti e la difficile decisione di licenziare 1600 persone.

La liquidità e gli equivalenti di cassa della compagnia a fine ottobre ammontavano a appena 376 milioni di dollari, 318 milioni di euro e le azioni da inizio anno sono crollate del 99%.

Un dato molto preoccupante e giustifica la necessità della compagnia di trovare al più presto nuova liquidità per salvarsi “Norwegian dipende da capitale circolante aggiuntivo per continuare a operare nel primo trimestre del 2021 e oltre“, ha affermato Norwegian nel rapporto del Q3 2020.

La decisione di ieri del governo norvegese di negare nuovi finanziamenti a Norwegian è stata giustificata dal ministro dell’industria Iselin Nyboe : “Norwegian Air ha chiesto miliardi di corone di sostegno aggiuntivo e il governo ha concluso che questo non sarebbe un uso responsabile dei fondi pubblici”.

E a margine della presentazione dei dati della trimestrale la triste notizia, il licenziamento di ulteriori 1600 dipendenti e una nuova riduzione della capacità, “Questo è un giorno triste per tutti in Norwegian e chiedo sinceramente scusa a tutti i nostri colleghi che ora sono interessati, ma non ci sono altre alternative.  […]“, ha affermato il CEO di Norwegian Jacob Schram.

“I nostri risultati del terzo trimestre mostrano chiaramente che gli effetti della pandemia globale di COVID-19 continuano a influenzare pesantemente le nostre operazioni e la nostra posizione finanziaria“, ha dichiarato Schram.

Norwegian ha comunicato che ulteriori forme di finanziamento, negate dallo stato, potrebbero provenire dal rifinanziamento del debito, dalla vendita di aeromobili e altre attività, dalla conversione del debito in azioni o dai suoi maggiori azionisti.

La perdita operativa di Norwegian si è attestata a 2,8 miliardi di corone nel periodo luglio-settembre, in calo rispetto a un utile di 3,0 miliardi negli stessi mesi del 2019.

Norwegian già pre-covid aveva sulle spalle un debito complessivo e passittività per 66,8 miliardi di corone norvegesi, oltre 6 miliardi di euro, rendendola ancora più vulnerabile dalla pandemia COVID-19.

Parte del debito fu convertito in azioni a maggio a cui hanno partecipato i creditori di Norwegian, tra cui i locatori di aeromobili.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi