F2i Fondi italiani per le infrastrutture F2i

F2i in 9 aeroporti italiani: 60 milioni di pax

  • 3 settimane fa
  • 2minuti

Milano Malpensa e Milano Linate (SEA), Napoli Capodichino e Salerno Costa D’amalfi (GESAC), Olbia, Alghero, Trieste, Bologna, Torino (Sagat), sono i 9 aeroporti italiani, dei quali 2 “emergenti“, controllati o partecipati dal fondo F2i.

In totale (esclusa aviazione generale) sono transitati negli aeroporti F2i 60 milioni di passeggeri, solo per fare un confronto con il maggiore aeroporto italiano Roma Fiumicino (40 mil. pax 2023) 20 milioni di pax in più, se confrontati con i pax di ADR sono 17 milioni circa.

F2i

La missione di F2i1 è creare valore per gli investitori e per il sistema paese, trasformando risorse finanziarie affidate da investitori nazionali ed esteri in progetti di economia reale.

Dalla nascita, nel 2007, F2i ha raccolto e investito oltre 7 miliardi di euro e ha contribuito alla crescita delle imprese operanti in settori chiave dell’economia nazionale come i trasporti e la logistica, le energie per la transizione, le reti di distribuzione, le reti di telecomunicazione, le infrastrutture socio-sanitarie e l’economia circolare.

Il 66% degli investitori di F2i, sono investitori italiani.

Dal 2021, accanto agli investimenti equity, F2i è presente sul mercato con un fondo di debito, con l’obiettivo di finanziare lo sviluppo di progetti industriali infrastrutturali.

Il portafoglio di F2i è oggi costituito da 23 società che, con ricavi aggregati 2022 di circa 11 miliardi di euro e un ebitda di 2,3 miliardi di euro, danno lavoro a oltre 24 mila dipendenti.

Area geografica investitori F2i (fonte: F2i 10/02/2024)

Investimenti di F2i in aeroporti “emergenti”: Trieste e Salerno.

F2i è impegnata nella crescita di 9 aeroporti italiani, con diversi progetti in atto, investimenti concreti, degni di nota quelli in 2 aeroporti “emergenti“, grazie anche all’affiancamento dei governi locali:

A Trieste (Trieste Airport) in cui ha il controllo della società, grazie anche al contributo della Regione autonoma del Friuli e Venezia Giulia, il 2024 potrebbe essere l’anno della svolta per l’aeroporto di Trieste (Ronchi dei Legionari).

A Salerno, con l‘apertura l’11 luglio 2024 dell’aeroporto Salerno Costa D’Amalfi, con Gesac, società controllata dalla stessa F2i, che ha in gestione i due aeroporti campani di Napoli Capodichino e Salerno, per il Costa D’Amalfi è un vero inizio, sono già stati annunciati i primi 4 voli da Volotea, crescerà in sinergia con Napoli, in questo caso grande il contributo della giunta del presidente De Luca, che ha tolto dallo stallo che da anni imbrigliava l’aeroporto di Salerno.

  1. Per maggio informazioni sulla Governance in F2i, qui. ↩︎