Boeing

Boeing si al SAF, per ora no all’idrogeno

Tempo di lettura 3 minuti

In tutto il mondo, per tutti i mezzi di trasporto, la ricerca è impegnata in soluzioni di trazione ad idrogeno, dalle auto, agli autobus ai treni e agli aerei, ma anche a carburanti alternativi sostenibili.

Mentre Airbus punta molto ad un progetto di ricerca nel realizzare aerei che verranno alimentati ad idrogeno, anche se parallelamente, prosegue anche verso programmi per l’uso di carburanti sostenibili, Boeing punta al Sustainable Aviation Fuels (SAF).

Boeing si è prefisatta un obbiettivo ambizioso per promuovere la sostenibilità a lungo termine dell’aviazione commerciale, realizzare aerei che possa essere certificati per volare utilizzando al 100% SAF entro il 2030, ovvero appena tra 9 anni.

L’obbiettivo di Boeing è già possibile, alcuni voli di prova con alcuni modelli, hanno già volato utilizzando solo carburante SAF.

Secondo l’Air Transport Action Group, il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti e molti altri studi scientifici, i combustibili sostenibili per l’aviazione riducono le emissioni di CO 2 fino all’80% durante il ciclo di vita del carburante con il potenziale di raggiungere il 100% in futuro. 

Oggi, i carburanti sostenibili per l’aviazione sono miscelati con il carburante convenzionale fino a una miscela 50/50, il massimo consentito dalle attuali specifiche. 

Per soddisfare l’impegno dell’aviazione di ridurre le emissioni di carbonio del 50% rispetto ai livelli del 2005 entro il 2050, gli aeroplani devono essere in grado di volare con carburanti per aviazione sostenibili al 100% ben prima del 2050. 

Il nostro settore e i nostri clienti sono impegnati ad affrontare il cambiamento climatico e i carburanti sostenibili per l’aviazione sono la soluzione più sicura e misurabile per ridurre le emissioni di carbonio del trasporto aereo nei prossimi decenni“, ha affermato Stan Deal, Presidente e CEO di Boeing Commercial Airplanes . “Ci impegniamo a lavorare con le autorità di regolamentazione, le società di motori e altre parti interessate chiave per garantire che i nostri aeroplani e alla fine il nostro settore possano volare interamente con carburanti sostenibili“.

L’impegno di Boeing è determinare quali modifiche sono necessarie affinché i suoi aeroplani commerciali attuali e futuri possano volare con combustibili sostenibili al 100% e collaborare con le autorità normative e in tutto il settore per aumentare il limite di miscelazione per un uso esteso.

Con una lunga storia di innovazione nei combustibili sostenibili per l’aviazione, la certificazione della nostra famiglia di aeroplani per volare con combustibili sostenibili al 100% fa avanzare in modo significativo il profondo impegno di Boeing a innovare e operare per migliorare il mondo“, ha affermato Chris Raymond, Chief Sustainability Officer . “I carburanti sostenibili per l’aviazione sono collaudati, utilizzati ogni giorno e hanno il potenziale più immediato e più grande per ridurre le emissioni di carbonio nel breve e lungo termine quando lavoriamo insieme come industria“.

Uno dei problemi da risolvere sarà la produzione ed il costo del SAF, quindi parte dell’impegno di Boeing, andrà proprio questa direzione, collaborando a livello globale con compagnie aeree, industria, governi e istituti di ricerca per ampliare la produzione e ridurre il costo dei combustibili. 

Boeing ha collaborato con compagnie aeree, produttori di motori e altri stakeholders, per condurre voli di prova utilizzando biocarburanti dal 2008, mentre dal 2011 per ottenere anche l’approvazione per combustibili sostenibili SAF.

Nel 2018, il programma di test di volo Boeing ecoDemonstrator ha realizzato il primo volo al mondo su aeroplani commerciali utilizzando carburanti sostenibili al 100% 777 Freighter, in collaborazione con FedEx Express.

I combustibili sostenibili per l’aviazione possono essere prodotti da un’ampia varietà di materie prime, comprese piante non commestibili, rifiuti agricoli e forestali, rifiuti domestici non riciclabili, gas di scarico di impianti industriali e altre fonti. 

Rolls-Royce ha avviato lo scorso anno una serie di test sui suoi motori per certificarli per l’uso 100% SAF, utilizzando un motore Trent 1000 che incorpora anche la tecnologia a combustione magra ALECSys (Advanced Low Emissions Combustion System).

Lufthansa ha recentemente avviato una collaborazione con DB Schenker per voli 100% SAF utilizzando proprio il Boeing B777F, lo stesso modello utilizzato come dimostratore da Boeing nel 2018.

Air France KLM Martinair Cargo ha lanciato un programma che promuove l’utilizzo del SAF nell’industria del cargo aereo, consentendo così sia agli spedizionieri che agli shipper di ridurre le proprie emissioni di CO2, scegliendo di utilizzare il SAF per le proprie spedizioni.

Il SAF non è ovviamente un carburante a zero emissioni, poichè c’è combustione, ma non è un carburante fossile, riduce le emissioni di oltre l’80% rispetto ai carburanti tradizionali, i vettori normalmente nei programmi di utilizzo del SAF, affiancano progetti di compensazione delle emissioni di CO2 .

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi