Commissione Europea

UE: nuovo passo avanti per i test rapidi

Tempo di lettura 2 minuti

La Commissione Europea ha adottato una raccomandazione sull’uso dei test rapidi dell’antigene per la diagnosi di COVID-19. 

Segue la raccomandazione1 della Commissione del 28 ottobre di garantire un approccio comune e strategie di prova più efficienti in tutta l’UE, il riconoscimento reciproco da parte dei paesi UE dei risultati, darà un impulso sicuramente positivo alla ripresa anche del trasporto aereo all’interno dell’Unione Europea.

Si basa sulla guida sviluppata con il contributo degli Stati membri e la consulenza di esperti del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie.

Viene quindi fornita una guida su come selezionare i test rapidi dell’antigene, quando sono appropriati e chi deve eseguirli. 

Richiede inoltre la convalida e il riconoscimento reciproco dei test e dei loro risultati e precede l’incontro virtuale dei leader europei del 19 novembre sulla risposta dell’UE alla pandemia COVID-19, a seguito del Consiglio europeo del 29 ottobre , dove si è deciso di coordinare maggiormente i metodi di prova.

La Commissione ha inoltre firmato un accordo con la Federazione internazionale delle società della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (IFRC) con un contributo di 35,5 milioni di euro, finanziato dallo strumento di sostegno alle emergenze (ESI), per aumentare la capacità di test COVID-19 nell’UE. 

Il finanziamento sarà utilizzato per sostenere la formazione del personale per la raccolta dei campioni e l’analisi e l’esecuzione dei test, in particolare tramite apparecchiature mobili.

Stella Kyriakides, Commissaria per la Salute e la sicurezza alimentare, ha dichiarato: “I test ci dicono qual è l’entità della diffusione, dove si trova e come si sviluppa. È uno strumento decisivo per rallentare la diffusione di COVID-19. Per aumentare il coordinamento dell’UE sui metodi di prova, oggi forniamo orientamenti agli Stati membri sull’uso del test rapido dell’antigene per gestire meglio i focolai di COVID-19. Essere efficienti nei test richiede anche la disponibilità delle risorse necessarie, motivo per cui anche oggi stiamo rafforzando il nostro sostegno per aumentare la capacità di test degli Stati membri. Il sostegno e la solidarietà sono fondamentali per superare questa pandemia “.

La raccomandazione odierna fornisce orientamenti agli Stati membri sull’uso di test antigeni rapidi per rilevare il virus in contesti specifici. Queste includono situazioni in cui una rapida identificazione di individui infetti supporta la gestione dei focolai e il monitoraggio regolare dei gruppi ad alto rischio, come personale medico o in case di cura per anziani. 

Gli Stati membri sono incoraggiati a condurre test rapidi dell’antigene oltre ai test RT-PCR per contenere la diffusione del virus, rilevare infezioni e limitare l’isolamento e le misure di quarantena.

Il riconoscimento reciproco dei risultati dei test è della massima importanza per facilitare i movimenti transfrontalieri, la ricerca e il trattamento dei contatti transfrontalieri. 

Gli Stati membri sono vivamente incoraggiati a riconoscere reciprocamente i risultati dei test rapidi dell’antigene che soddisfano i criteri della raccomandazione redatta da strutture di test operative autorizzate in qualsiasi Stato membro dell’UE.

Il rispetto della raccomandazione può quindi contribuire alla libera circolazione delle persone e al buon funzionamento del mercato interno.

Gli sviluppi scientifici e tecnici continuano ad evolversi, offrendo nuove intuizioni sulle caratteristiche del virus e le possibilità di utilizzare diverse metodologie e approcci per la diagnosi COVID-19. La Commissione resta pertanto pronta ad aggiornare ulteriormente la raccomandazione sull’uso dei test.

La collaborazione con la Federazione Internazionale delle Società della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa è aperta agli Stati membri dell’UE e al Regno Unito, attraverso la Società nazionale della Croce Rossa. Sette Stati membri hanno deciso di partecipare: Austria, Germania, Grecia, Italia, Malta, Portogallo e Spagna.


1COMMISSION RECOMMENDATION of 28.10.2020 on COVID-19 testing strategies, including the use of rapid antigen tests

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi