Ryanair

Corte Suprema spagnola, respinge ricorso Ryanair

  • 4 mesi fa
  • 2minuti

Durante il periodo più nero mai visto nell’aviazione, durante il Covid-19, Ryanair fece una scelta diversa da molte altre compagnie, non licenziò il personale, ma decise una riduzione salariale per un periodo di tempo prestabilito, Ryanair rispettò quel “patto” con il proprio personale, rispettando i tempi, ma la Corte Suprema spagnola ha dichiarato ora nulle le modifiche alle condizioni di lavoro per i dipendenti di Ryanair. 

Il tribunale ha respinto un ricorso della compagnia aerea low cost irlandese contro una sentenza dell’Alta Corte del 2021 che ha annullato le modifiche ai contratti stipulati in risposta alle restrizioni di viaggio globali indotte dalla pandemia.

Nella sentenza del 20 marzo, resa pubblica lunedì, la corte ha affermato che non c’è stato alcun periodo di consultazione per le modifiche e ha citato “l’incapacità della società di negoziare in buona fede e di fornire una documentazione sufficiente e necessaria”.

Ryanair non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento da parte di Reuters.

Le modifiche alle condizioni di lavoro dei dipendenti includevano tagli salariali del 10% per il personale di cabina e del 20% per i piloti, una riduzione a due giorni di riposo da tre ogni cinque giorni di lavoro e l’eliminazione dei premi mensili di produttività del valore di 150 euro (162 dollari).

“Siamo preoccupati per la strategia adottata da alcune compagnie, come Ryanair, focalizzata sulla violazione del sistema legale per massimizzare la capacità operativa nella speranza che le decisioni dei tribunali vengano emesse anni dopo il fatto“, ha dichiarato il sindacato USO in una nota, sperando che spera che la sentenza si traduca in un’immediata inversione dei rapporti lavoro-riposo, aggiungendo che chiederà il pagamento degli importi dovuti per i salari passati.