Ryanair

Ryanair H1 FY24

  • 8 mesi fa
  • 8minuti

Ryanair ha diffuso i dati della semestrale, con un forte profitto di 2,18 miliardi di euro, rispetto al PAT del primo semestre dell’anno precedente pari a 1,37 miliardi di euro.

Il periodo pasquale con una forte domanda ed un estate record, hanno compensato significativamente l’aumento costi del carburante.

Punti salienti dell’H1

Il traffico è cresciuto dell’11% a 105,4 milioni (fattore di carico del 95%), la Revenue per passeggero aumentata del +17% (tariffe ave. +24% e rev. ancil. +3%).

Al 30 settembre la flotta Ryanair era composta da 563 B737 di cui 124 B737 MAX-8200 “Gamechangers”.

Michael O’Leary CEO del Gruppo Ryanair, ha dichiarato: “Ryanair è una delle principali compagnie aeree europee più efficienti dal punto di vista ambientale. Con una flotta giovane e fattori di carico elevati, la nostra CO2 per passeggero/km è di soli 65 grammi. Investiamo molto in tecnologie nuove e più efficienti. Nel primo semestre abbiamo preso in consegna 26 nuovi B737-8200 “Gamechanger” (4% in più di posti, 16% in meno di carburante e CO2). Stiamo accelerando il retrofit delle alette a scimitarra a quasi 130 B737NG (obiettivo 409 entro il 2026), riducendo il consumo di carburante dell’1,5% e diminuendo le emissioni acustiche di un ulteriore 6%. Stiamo lavorando con i partner di carburante per accelerare la fornitura di SAF e siamo sulla buona strada per raggiungere l’ambizioso obiettivo del Gruppo per il 2030 di alimentare il 12,5% dei voli Ryanair con SAF (il 9,5% è già garantito).

L’urgente riforma dell’inefficiente sistema ATC europeo è una delle iniziative ambientali più significative che l’UE possa realizzare. Nel 2023, l’ATC francese ha (finora) inflitto al nostro settore oltre 60 giorni di scioperi, durante i quali il governo francese. utilizzare le leggi sui servizi minimi per proteggere i voli locali/nazionali cancellando in modo sproporzionato i sorvoli. A settembre abbiamo presentato una petizione (firmata da 1,5 milioni di clienti) chiedendo alla CE di proteggere il mercato unico dei viaggi aerei proteggendo i sorvoli (rispettando il diritto di sciopero dei sindacati ATC), come già avviene in Grecia, Italia e Spagna. Purtroppo, non abbiamo ancora visto alcuna azione da parte della presidente Ursula von der Leyen su questa importante iniziativa ambientale.

Il nostro recente ordine per 300 aerei Boeing MAX-10 (21% di posti in più, 20% in meno di carburante e CO2 e 50% più silenziosi), ci ha permesso di reimpostare gli obiettivi ambientali del Gruppo mentre ci impegniamo a far crescere in modo più sostenibile il traffico fino a 300 milioni di passeggeri all’anno. entro l’anno fiscale 34. Nel primo semestre, abbiamo fissato un obiettivo molto ambizioso di 50 grammi di CO2 per pax/km entro l’anno fiscale 31 (in precedenza 60 grammi entro l’anno fiscale 30) e abbiamo pubblicato il piano di transizione climatica di 1,5 gradi di Ryanair.

Previsti 10.000 nuovi posti di lavoro

Michael continua: “prevediamo di creare oltre 10.000 nuovi posti di lavoro ben retribuiti per professionisti dell’aviazione altamente qualificati mentre il Gruppo espande la nostra flotta a 800 aeromobili entro l’anno fiscale 34. Basandoci sul successo delle nostre strutture di addestramento aeronautico a Dublino, Stansted, Bergamo e East Midlands, stiamo aprendo 2 nuovi centri di eccellenza a Cracovia e Madrid per accelerare la formazione e lo sviluppo dell’equipaggio locale in quei principali mercati. La nostra accademia di ingegneria recentemente annunciata supporterà 1.000 apprendisti ogni anno mentre formiamo la prossima generazione di meccanici e ingegneri altamente qualificati. Ryanair Labs cresce anche a livello di sviluppo. hub a Dublino, Madrid, Portogallo e Wroclaw per supportare il servizio clienti di Ryanair, la nostra efficienza e scalabilità nel prossimo decennio.

L’investimento di Ryanair nella resilienza in vista del nostro programma S.23 (aumento del rapporto equipaggio, raddoppio della capacità dei nostri centri operativi di Dublino e Varsavia, migliore app per i giorni di viaggio e miglioramento continuo delle comunicazioni in tempo reale con i clienti) ha assicurato che i nostri passeggeri e i nostri equipaggi potessero goditi l’OTP e l’affidabilità leader del settore di Ryanair, nonostante le significative interruzioni dell’ATC quest’anno. Ciò si riflette nel nostro ottimo punteggio CSAT H1 pari all’84%, nonostante oltre 60 giorni di scioperi degli ATC francesi.

Crescita e flotta

Per quanto riguarda la flotta e la crescita di Ryanair Michael ha aggiunto: “Durante la S.23 abbiamo operato il nostro programma più ampio di sempre, comprese 3 nuove basi e oltre 190 nuove rotte. Abbiamo registrato un traffico record durante i mesi estivi di punta. Quest’inverno opereremo 6 nuove basi (Atene, Belfast, Copenaghen, Girona, Lanzarote e Tenerife) e oltre 60 nuove rotte comprese le nostre prime 17 rotte verso l’Albania. Ad oggi è già in vendita oltre il 90% della capacità dell’S.24, comprese oltre 180 nuove rotte.

Sebbene Boeing stia attualmente subendo ritardi nelle consegne con Spirit (il loro fornitore di fusoliera), stiamo lavorando con loro per ridurre al minimo i ritardi prima del picco S.24. In questa fase, temiamo che fino a 10 delle 57 consegne di Gamechanger contratte prima della S.24 possano essere ritardate fino all’inverno 2024.

Boeing B737 MAX-8200 nello stabilimento Boeing a Renton

Ci aspettiamo che le compagnie aeree europee continuino a consolidarsi nei prossimi 2-3 anni, con l’acquisizione di ITA (Italia) e la vendita di TAP (Portogallo) e SAS (Scandinavia) già in corso. Mentre i problemi relativi ai motori Pratt & Whitney (GTF) e il programma di ispezione minacciano di ridurre sostanzialmente la capacità dei concorrenti e dei locatori tra il 2024 e il 2026, è probabile che anche l’ampio arretrato di consegne di aeromobili OEM limiterà la capacità in Europa per i prossimi 3 o 4 anni. Questo e i vincoli di capacità, combinati con il nostro crescente vantaggio in termini di costi, la nostra oculata copertura del carburante, il solido bilancio, gli ordini di aeromobili a basso costo e la resilienza operativa leader del settore, creano significative opportunità di crescita del traffico e dei profitti per Ryanair mentre ci espandiamo per trasportare 300 milioni di pax p.a. entro l’anno fiscale 34.

Entrate e costi

I ricavi programmati per il primo semestre sono aumentati del 37% a 6,1 miliardi di euro. Il traffico è cresciuto dell’11% a 105,4 milioni mentre ave. le tariffe sono aumentate del 24% a circa €58 a causa della forte Pasqua e della domanda record di S.23. Le entrate accessorie sono aumentate del 14% a 2,5 miliardi di euro (circa 23,70 euro per passeggero). I ricavi totali del primo semestre dell’anno fiscale 24 sono quindi aumentati del 30% a 8,6 miliardi di euro. I costi operativi totali sono aumentati del 24% a 6,2 miliardi di euro, principalmente a causa dei costi del carburante molto più elevati (+29% a 2,8 miliardi di euro), dei costi del personale più elevati (che riflettono il ripristino delle retribuzioni, gli aumenti salariali concordati in anticipo e i rapporti di equipaggio più elevati poiché abbiamo investito nelle operazioni .resilienza) e tariffe ATC più elevate (incluse spese aeroportuali e di movimentazione). Il vantaggio di costo di Ryanair rispetto alla maggior parte dei suoi concorrenti europei continua ad ampliarsi, con i costi unitari H1 escluso carburante che finiscono poco sotto i 32 euro.

Il nostro fabbisogno di carburante per l’anno fiscale 24 è coperto quasi all’85% a ca. $89bbl (un mix di forward e cap) mentre la nostra copertura FY25 è aumentata a poco più del 50% a ca. $79bbli. Ciò consentirà un risparmio di ca. €300 milioni sul carburante già coperto per l’anno fiscale 2025. Oltre il 90% degli opex €/$ del FY24 è coperto a 1,08 e quasi il 50% del FY25 è coperto a 1,12. Questa forte posizione di copertura ci lascia molto ben protetti dalla recente volatilità a breve termine dei prezzi del carburante a cui molti concorrenti sono più, o completamente, esposti.

Stato patrimoniale e liquidità

Il bilancio di Ryanair rimane uno dei più solidi del settore, con un rating creditizio BBB+ (sia S&P che Fitch) e oltre 3,6 miliardi di euro di liquidità lorda a fine periodo, nonostante 1,6 miliardi di euro di capex e oltre 1 miliardo di rimborsi di debito (inclusi € in scadenza). 750 milioni di cauzione e € 260 milioni di pagamento anticipato della nostra RCF in agosto). La liquidità netta era pari a 0,84 miliardi di euro al 30 settembre (0,56 miliardi di euro al 31 marzo). Tutta la flotta di B737 di proprietà del Gruppo (534 aeromobili) non è gravata, il che amplia significativamente il nostro vantaggio in termini di costi rispetto alle compagnie aeree concorrenti che sono fortemente esposte all’aumento dei tassi di interesse e all’aumento dei costi di noleggio degli aeromobili.

Previsioni

Michael conclude: “continuiamo a puntare a ca. 183,5 milioni (+9%) di traffico FY24, anche se la cifra finale dipende dal fatto che Boeing rispetti i propri impegni di consegna da qui alla fine dell’anno. Come precedentemente indicato, prevediamo che i costi unitari esclusi il carburante aumenteranno di circa 2€ quest’anno, il che amplia ancora il divario di costo tra Ryanair e le compagnie aeree concorrenti in Europa. Le prenotazioni anticipate (sia sul traffico che sulle tariffe) sono consistenti durante la fine di ottobre e nel periodo di punta dei viaggi natalizi. Considerando il vantaggio della capacità UE limitata quest’inverno (Eurocontrol prevede che la capacità dell’UE verrà ripristinata solo al 94% rispetto a quella pre-Covid) e l’impatto delle riparazioni dei motori P&W sulle flotte concorrenti, attualmente ci aspettiamo un terzo trimestre ave. le tariffe saranno in anticipo rispetto al terzo trimestre dell’anno precedente di una percentuale media. I costi del carburante non coperti, tuttavia, sono significativamente più alti, rendendo improbabile una replica