Emirates

Emirates amplia partnership con Neste

  • 9 mesi fa
  • 4minuti

Emirates e Neste hanno ampliato la loro partnership consolidando la loro collaborazione per la fornitura di oltre 3 milioni di galloni di Neste MY Sustainable Aviation Fuel nel 2024 e 2025.

Il carburante sostenibile per l’aviazione (SAF), che sarà miscelato con carburante per aerei convenzionale, sarà fornito nel corso del biennio per i voli Emirates in partenza dagli aeroporti di Amsterdam Schiphol e Singapore Changi.

La partnership di Emirates con Neste rappresenta il più grande volume di SAF da potenziare rispetto a qualsiasi compagnia aerea con sede in Medio Oriente e Africa fino ad oggi. Il SAF miscelato sarà composto da oltre un milione di galloni di SAF puro. Ciò rappresenta un rapporto di miscelazione di oltre il 30% di SAF puro combinato con il carburante convenzionale Jet A-1.

Entro la fine di quest’anno, la compagnia aerea solleverà per la prima volta SAF dal suo hub di Dubai. SAF riduce le emissioni di carbonio dei viaggi aerei fino all’80%* durante il ciclo di vita del carburante rispetto all’utilizzo del carburante per aerei convenzionale. 

Sir Tim Clark, Presidente di Emirates Airline, ha dichiarato: “L’annuncio di oggi è una pietra miliare per Emirates e rappresenta l’accelerazione dell’approvvigionamento di SAF per le nostre operazioni. È anche una delle tante iniziative su cui ci concentriamo per ridurre le nostre emissioni di carbonio, che include l’utilizzo di aeromobili a basso consumo di carburante, l’intensificazione del rinnovamento della nostra flotta a partire dal 2024, oltre a promuovere l’efficienza operativa del carburante. La nostra partnership in corso con Neste dimostra anche il nostro impegno attivo e il nostro sostegno all’industria SAF in rapido sviluppo, e speriamo che la forte domanda proveniente da Emirates e da altre compagnie aeree incoraggi l’incremento di SAF e di altre tecnologie emergenti di propulsione pulita”. 

Alexander Kueper, Vice Presidente EMEA della business unit Renewable Aviation di Neste, ha dichiarato: “Il carburante sostenibile per l’aviazione è una soluzione prontamente disponibile per ridurre le emissioni di gas serra derivanti dai viaggi aerei. Siamo orgogliosi di espandere la nostra attuale cooperazione con Emirates fino al 2024 mentre stiamo aumentando la nostra produzione globale di SAF e continuiamo a sostenere il loro impegno per ridurre le emissioni fornendo il nostro carburante per aviazione sostenibile Neste MY”.

All’inizio di quest’anno, Emirates, in collaborazione con Neste e altri stakeholder del settore, ha completato con successo il primo volo dimostrativo nella regione con motore SAF al 100%, utilizzando un Boeing 777-300ER funzionante al 100% SAF in un motore. La compagnia aerea ha fatto passi da gigante insieme ai suoi partner del settore riguardo ai requisiti di analisi tecnica e certificazione che supportano la standardizzazione e la futura approvazione del volo SAF al 100%.

Il primo volo della compagnia aerea alimentato da SAF miscelato con carburante per aerei ha avuto luogo nel 2017 da Chicago. Da allora, la compagnia aerea ha aumentato il SAF anche per i voli da Stoccolma e attualmente opera voli da Parigi, Lione e Oslo con il SAF misto.

Emirates ha sostenuto una serie di gruppi di lavoro dell’industria e del governo degli Emirati Arabi Uniti ed è in costante dialogo con una serie di parti interessate per aiutare a scalare la produzione e la fornitura di SAF. 

La compagnia aerea, insieme alla GCAA degli Emirati Arabi Uniti, ha svolto un ruolo attivo nello sviluppo dell’ambiziosa tabella di marcia per i carburanti power-to-liquid (PtL) degli Emirati Arabi Uniti, guidata dal Ministero dell’Energia e delle Infrastrutture degli Emirati Arabi Uniti e dal Forum Economico Mondiale, oltre a contribuire al La tabella di marcia nazionale sostenibile per il carburante per l’aviazione degli Emirati Arabi Uniti è stata lanciata nel gennaio 2023 dal Ministero dell’Energia e delle Infrastrutture e dalla GCAA. 

 * Se utilizzato in forma pura (ovvero non miscelato) e calcolato con metodologie consolidate di valutazione del ciclo di vita (LCA), come la metodologia CORSIA