Aeroporto di Catania

MasterPlan Aeroporto Catania: Ampliamento terminal

  • 10 mesi fa
  • 3minuti

SAC ha effettuato l’ultimo aggiornamento al Master Plan per l’aeroporto di Catania nel 2016, presentando l’istanza per la Valutazione di impatto ambientale il 05/02/2020. Il piano prevede anche l’ampliamento del terminal passeggeri, l’attuale terminal B, ovvero il Morandi verrà ampliato e completamente trasformato, diventando vista la sua posizione centrale, il rpincipale accesso dello scalo, lo step successivo, un nuovo ampliamento con un nuovo Terminal C.

I tempi burocratici rallentano in Italia progetti ed innovazioni, anche il progetto preliminare del terminal B di Catania, ha visto la luce solo quest’anno, ma si dovrà attendere il progetto definito, le approvazioni i finanziamenti e gli appalti, tempi ancora lunghi. Nel 2016 era già chiaro che: “Il terminal passeggeri “Fontanarossa” è già al limite della capienza“.

Nota Bene: in virgolettato l’estratto dal documento: Aggiornamento masterplan Aeroporto “Fontanarossa” Catania 2013-2030 R.02 – Relazione tecnica generale e di approfondimento progettuale Rev 02 05/07/2018 Emissione 11 maggio 2016

Ma torniamo al MasterPlan, gli obiettivi principali della strategia al 2030 per il terminal dell’aeroporto
“Fontanarossa” sono:

  • Sviluppare la capacità aeroportuale del terminal in maniera progressiva e con dotazioni coerenti alla tipologia di traffico.
  • Sostenere lo sviluppo del sistema aeroportuale con servizi e strutture adeguate.
  • Garantire il soddisfacimento di parametri in termini di sostenibilità operativa, confermando il pieno rispetto dei requisiti di efficace gestione del flusso di traffico previsto.

La relazione è chiara su un punto che è evidente da alcuni anni, Il terminal passeggeri “Fontanarossa” è già al limite della capienza; per questo motivo si prevede un suo ampliamento, che, per fasi, possa spitare il numero dei passeggeri presente nelle previsioni di traffico aereo.

Nel piano si evidenzia l’urgenza della ristrutturazione del terminal “Morandi”, “che potrà essere posto in connessione diretta con il terminal esistente “Fontanarossa”, a seguito non solo di ripristino ed deguamento tecnico dell’esistente, ma attraverso la realizzazione di opere a modifica e ampliamento di solai e facciate esistenti.

Un operazione complessa che prevede in base al progetto presentato a marzo di quest’anno una trasformazione completa del Terminal B.

Una costruzione per fasi come accennavo prima, per “dare l’opportunità all’aeroporto di crescere in maniera naturale e progressiva negli anni, fornendo i servizi necessari, al momento opportuno e di bisogno.

Il problema è che nel 2023 l’aeroporto di Catania è ancora al “al limite della capienza” e nessun lavoro di ampliamento è iniziato, sono passati 7 anni.

Nella relazione tecnica si legge che: “In questo modo la crescita e lo sviluppo del terminal sarà progressiva e risponderà alle reali esigenze e prescrizioni di mercato. Inoltre la riqualificazione del terminal “Morandi” permette di rispondere fin da subito a un’esigenza sempre crescente di nuovi spazi e di funzioni più adeguate, realizzando da subito il primo passo verso un più ampio e fruibile terminal.

Dopo la prima fase di ristrutturazione del terminal “Morandi”, con la crescita dell’aeroporto, la costruzione della nuova pista di decollo/atterraggio e, conseguentemente, nuove prospettive di mercato, verrà avviata la fase di costruzione del terzo modulo del terminal: un nuovo edificio, collegato al terminal “Morandi”, e specchiato rispetto ad esso, così da creare un inserimento completamente conforme a livello funzionale e paesaggistico.

Per chi volesse approfondire. l’Aggiornamento al masterplan dell’Aeroporto “Fontanarossa” Catania 2013-2030 R.02 – Relazione tecnica generale e di approfondimento progettuale Rev 02 05/07/2018 Emissione 11 maggio 2016, è scaricabile a questo link, da questo link invece, tutti gli elaborati di progetto allegati alla procedura di Valutazione Impatto Ambientale.