Covid-19 Europa UE

Ancora nubi in quota per i vettori europei

Le prospettive per le compagnie aeree europee sono peggiorate dopo che Regno Unito, Belgio e Svezia hanno adottato restrizioni più severe, sollevando dubbi sulla possibilità di una ripresa del turismo la prossima estate.

Le compagnie aeree europee, puntano sulla stagione estiva 2021 per riprendere anche se parziale, flussi di cassa in entrata.

easyJet ha dichiarato che prevede di volare “non più” del 10% della capacità del 2019 tra gennaio e marzo, in calo del 18% rispetto al trimestre precedente.

Senza una ripresa in estate, gli analisti prevedono che diversi vettori saranno costretti a raccogliere più liquidità.

Nel Regno Unito, i vettori aerei sono stati colpiti da ulteriori restrizioni di viaggio poiché il governo ha introdotto la quarantena alberghiera per gli arrivi dai paesi ad alto rischio.

Chiunque voglia lasciare il Paese deve dichiarare lo scopo del proprio viaggio prima di partire ed e’ assolutamente vietato se non per giustificati motivi.

Le compagnie aeree inglesi hanno inviato una lettera al primo ministro per richiedere una tabella di marcia per la ripresa dei viaggi, ed un ulteriore sostegno economico per il settore.

“Abbiamo costantemente e pienamente sostenuto il governo nel fare ciò che è giusto di fronte a questa pandemia. Oggi il Regno Unito ha alcune delle più severe restrizioni alle frontiere sugli arrivi internazionali in tutto il mondo.

Anche Wizz Air ha dimostrato di non essere immune alle restrizioni di viaggio nei risultati del terzo trimestre e non prevede una ripresa della domanda almeno fino a fine marzo.

Le finanze delle compagnie aeree sono state portate quasi al punto di rottura nell’ultimo anno, con a una corsa per aumentare la liquidità e tagliare i costi.

I ricavi di easyJet sono diminuiti dell’88% nell’ultimo trimestre del 2020 a 165 milioni di sterline, ma il vettore ha affermato di aver fatto “progressi” tagliando i costi e prevede un cash burn di 40 milioni di sterline a settimana .

EasyJet non ha bisogno di denaro aggiuntivo nel breve termine e in effetti non è stato annunciato alcun aumento di capitale, ma non possiamo ancora escluderlo del tutto se la crisi si estenderà oltre il previsto“, ha affermato Daniel Roeska, analista di Bernstein al FT.

Wizz Air ha registrato una perdita di 114,5 milioni di euro per i tre mesi fino alla fine di dicembre, inferiore alla perdita di 135 milioni di euro nel trimestre precedente, dopo che i ricavi sono scesi di oltre il 75% a 150 milioni di euro.

Anche Wizz Air ha preservato il più possibile la liquidità, “Wizz Air continua ad avere uno dei migliori bilanci dell’aviazione dell’UE, con 1,2 miliardi di euro in contanti. . . i livelli di cassa non saranno presto una questione esistenziale per Wizz “, ha detto Roeska.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi