Covid-19 Regno Unito UK

UK, confermata quarantena in hotel

Tempo di lettura 3 minuti

A comunicarlo alla camera dei comuni, lo stesso primo ministro Boris Johnson.

In risposta alle lettera inviata da Airlines UK e alle richieste pervenute da tutti i settori legati ai viaggi e ai trasporti, il primo ministro ha anche confermato un aggiornamento delle restrizioni a metà febbraio, quando verrà illustrato un piano per l’allentamento delle restrizioni in essere.

Di seguito un estratto del discorso di Johnson:

Il Regno Unito ha ora sequenziato oltre la metà di tutti i genomi virali COVID-19 che sono stati inviati al database globale, 10 volte di più rispetto a qualsiasi altro paese.

E ieri, il mio amico Rt Hon, il Segretario della Salute ha annunciato la nostra nuova piattaforma di valutazione delle varianti, attraverso la quale lavoreremo con l’Organizzazione mondiale della sanità per offrire la nostra esperienza per aiutare altri paesi, perché una nuova variante ovunque rappresenta una potenziale minaccia ovunque.

Per difenderci da questo pericolo, dobbiamo anche adottare ulteriori misure per rafforzare i nostri confini per impedire a tali tensioni di entrare nel Regno Unito.

Abbiamo già chiuso temporaneamente tutti i corridoi di viaggio e stiamo già richiedendo a chiunque si rechi in questo paese di avere la prova di un test Covid negativo fatto nelle 72 ore prima della partenza.

Devono inoltre compilare un modulo di localizzazione dei passeggeri che deve essere controllato prima dell’imbarco e quindi messo in quarantena all’arrivo per dieci giorni.

Voglio chiarire che in base alle norme sul soggiorno in patria è illegale lasciare la casa per viaggiare all’estero per motivi di svago e lo applicheremo nei porti e negli aeroporti chiedendo alle persone perché stanno partendo e ordinando loro di tornare a casa se non lo fanno avere un motivo valido per viaggiare.

Abbiamo anche vietato tutti i viaggi da 22 paesi in cui vi è il rischio di varianti note tra cui Sud Africa, Portogallo e nazioni sudamericane, e al fine di ridurre il rischio rappresentato dai cittadini e dai residenti del Regno Unito che tornano a casa da questi paesi, posso annunciare che richiederemo a tutti gli arrivi a cui non può essere rifiutato l’ingresso di isolarsi in alloggi forniti dal governo – come gli hotel – per dieci giorni senza eccezioni. Verranno accolti in aeroporto e trasportati direttamente in quarantena.

Il Dipartimento per la Salute e l’Assistenza Sociale sta lavorando per creare queste strutture il più rapidamente possibile e il mio amico Rt Hon, il ministro degli Interni, esporrà a breve i dettagli dei nostri piani nella sua dichiarazione.

il testo completo qui

Il numero 10 di Downing Street, la sede e la residenza londinese del Primo Ministro del Regno Unito.

Le compagnie aeree inglesi avevano inviato una lettera al primo ministro per richiedere una tabella di marcia per la ripresa dei viaggi, ed un ulteriore sostegno economico per il settore.

Inascoltato per ora l’invito di non applicare la quarantena in hotel, mentre il governo si e’ impegnato ad un piano per l’allentamento delle restrizioni, che verrà presentato a metà febbraio.

[…] quando il Parlamento tornerà dalla ricreazione nella settimana che inizia il 22 febbraio, soggetto al pieno accordo dell’Assemblea, signor Presidente, intendiamo esporre i risultati di tale revisione e pubblicare il nostro piano per portare il paese fuori confinamento.

Quel piano, ovviamente, dipenderà dal continuo successo del nostro programma di vaccinazione, dalla capacità del NHS e dal numero di decessi che cadono al ritmo che ci aspetteremmo poiché più persone vengono inoculate.

Il nostro obiettivo sarà quello di definire un approccio graduale e graduale verso l’allentamento delle restrizioni in modo sostenibile, guidato dai principi che abbiamo osservato durante la pandemia […]”.

Nessun riferimento invece a nuovi aiuti al settore del trasporto aereo, come richiesto da Airlines UK.

Le azioni delle compagnie aeree hanno ovviamente risentito della decisione, come si può vedere dal grafico di oggi 27 gennaio 2021.

fonte: London Stock Exchange
Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi