SLOT

Slot, UE: compagnie europee non soddisfatte

Tempo di lettura 3 minuti

Le compagnie aeree e gli aeroporti europei sono fortemente preoccupati della proposta di modifica della Commissione europea del regolamento sulle bande orarie aeroportuali (slot).

Compagnie aeree e aeroporti, contestano la proposta della UE in quanto non affronterebbe a sufficienza l’entità della perdurante crisi del trasporto aereo.

A4E si legge in una nota considera ancora solo probabile la ripresa nell’estate del 2021.

La proposta della Commissione Europea per la modifica del regolamento.

Nella sua proposta, la CE suggerisce che gli slot dovrebbero essere restituiti tre settimane prima dell’operativo, su base continuativa, ma non offre alle compagnie aeree la possibilità di riavere gli slot nella stagione estiva del 2022.

Le tre settimane proposte dalla CE per rendere disponibili ad altri vettori gli slot che una compagnia aerea non intende utilizzare nella prossima stagione estiva, per le diverse associazioni è un lasso di tempo troppo breve, per consentire ai vettori disponibili ad operare negli slot liberi, di pianificare un programma di voli continuativo e per l’intera stagione.

L’approccio raccomandato dal World Airport Slot Board (WASB) prevede invece, che i vettori siano incentivati ​​a restituire la loro serie completa di slot aeroportuali a febbraio, ben prima del picco della stagione estiva 2021, in cambio di un alleggerimento delle condizioni di utilizzo degli slot, abbassando la soglia minima di utilizzo, nella regola “use it or lose it”.

Ciò faciliterebbe la rapida riallocazione degli slot aeroportuali e il loro utilizzo ad hoc per tutta la stagione, consentendo ai vettori di ottimizzare i propri orari in condizioni difficili.

Questa è una misura essenziale che consentirebbe all’industria di soddisfare la domanda quando e dove si concretizza.

La proposta della CE non offre alcun alleviamento e propone che ogni singola serie di slot aeroportuali sia gestita almeno il 40% del tempo.

La soglia inferiore del 40% da sola, sempre secondo le associazioni europee di compagnie aeree e aeroporti, senza la possibilità di restituire in sicurezza le bande orarie aeroportuali alla rinfusa, aggiunge una complessità inutile e renderà più difficile il recupero per l’aviazione europea.

In contrasto con le raccomandazioni del settore, la proposta della Commissione europea non consente sufficienti opportunità di pianificazione anticipata per aeroporti e compagnie aeree, il che rischia di ostacolare la ripresa e aggiungere costi. Riteniamo che il pacchetto completo di misure equilibrate di riduzione degli slot aeroportuali proposte dal settore dovrebbe essere pienamente attuato per garantire che l’aviazione europea disponga di condizioni eque e di parità per riprendersi. Ci impegneremo in modo costruttivo con tutte le istituzioni e i governi dell’UE a tal fine e attendiamo con impazienza un dialogo proficuo con i deputati al Parlamento europeo, gli Stati membri e la Commissione europea “. ha dichiarato Olivier Jankovec, Direttore Generale di ACI EUROPE.

Apprezziamo gli sforzi della CE per presentare una proposta tempestiva per lo sgravio della fascia oraria per l’estate 2021, ma purtroppo non è all’altezza di ciò che è necessario. L’industria sta ora guardando al Consiglio e al Parlamento europeo per apportare le modifiche necessarie. Abbiamo bisogno di un pratico, Soluzione semplice e implementabile, non una che crei ulteriore complessità per un settore in difficoltà devastato da COVID-19. Esortiamo congiuntamente gli Stati membri e il Parlamento a portare avanti la raccomandazione WASB per sostenere la ripresa dell’aviazione dell’UE e migliorare la scelta dei consumatori nel 2021 “, ha affermato Thomas Reynaert , Amministratore delegato di Airlines for Europe (A4E).

La proposta della Commissione è insufficiente per una crisi di questa portata. Hanno ignorato l’esperienza di compagnie aeree e aeroporti che stanno sperimentando in prima persona l’entità dei cambiamenti nel comportamento dei consumatori, nonché le opinioni indipendenti dei coordinatori delle bande orarie che meglio comprendono i meccanismi del coordinamento delle bande orarie. L’industria propone una politica più intelligente e più agile che sosterrà la ripresa, faciliterà la mobilità delle bande orarie e garantirà che i consumatori abbiano accesso a servizi competitivi quando la domanda tornerà. Siamo pronti a lavorare con le istituzioni dell’UE per vedere sono necessari cambiamenti per realizzare questa proposta “, ha affermato Rafael Schvartzman, Vicepresidente regionale della IATA per l’Europa.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi