British Airways

BA inviale le lettere di licenziamento

Tempo di lettura 2 minuti

Nella giornata di ieri British Airways ha inviato a migliaia di suoi dipendenti una lettere in cui viene comunicata la possibile perdita del loro posto di lavoro.

British Airways porta avanti il suo piano per ridurre il numero di dipendenti del 29%, nonostante l’opposizione del governo e dei sindacati, le parti in forte opposizione, non riescono arrivare ad un accordo.

British Airways, già ad aprile aveva dichiarato di dover procedere a 12.000 licenziamenti e ha intenzione di uniformare la flotta degli equipaggi, attualmente suddivisa in World fleet, Europe fleet e Mix Fleet, in un unico contratto, quello della Mix Fleet, il più economico per BA, proponendo alcune settimane fa, anche un aumento delle retribuzione, notevolmente più basse delle altre due, per la Mix fleet.

Il piano però sta incontrando una forte resistenza con i sindacati che minacciano uno sciopero, un evento molto raro in BA, sono davvero poche le agitazioni dei lavoratori della compagnia aerea britannica nei suoi 100 anni di attività.

Il sindacato UNITE invita BA ad offrire lo stesso accordo offerto ai piloti, che hanno accettato un taglio delle retribuzioni anche al resto del personale.

Non si riesce quindi a instaurare un dialogo costruttivo, con le parti che mantengono le loro posizioni, anche se BA qualche passo verso il sindacato lo ha fatto, a queste condizioni però 6.000 dipendenti, ha comunicato BA, hanno deciso di accettare un licenziamento volontario.

La lettera di licenziamento, avvierà un piano di selezione interna del personale, a qui, secondo criteri non ancora noti, verrà comunicato il licenziamento o in caso contrario, molto probabilmente gli verrà sottoposto un nuovo contratto.

Sono infatti i dipendenti della World fleet e la Euro fleet a rischiare il posto di lavoro, molti di loro prossimi alla pensione.

Unite ha accusato BA di “delinquenza industriale” e sta cercando di ottenere il sostegno dei legislatori per privare BA degli slot negli aeroporti: “Faremo tutto quanto in nostro potere per prevenire i licenziamenti obbligatori e gli attacchi ai salari dei lavoratori da parte di una sala del consiglio con miliardi in banca”, ha detto Unite in una nota.

BA, che attualmente vola solo circa il 20% del suo normale programma e con costi di 20 milioni di sterline al giorno dichiara che “Dobbiamo prendere decisioni difficili e intraprendere ora ogni azione possibile per proteggere quanti più posti di lavoro possibile“.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi