Lufthansa

Impatto senza precedenti per Lufthansa nel secondo trimestre

Tempo di lettura 6 minuti

Lufthansa ha registrato nel Q2 2020 la perdita peggiore della sua storia, € 2,9 miliardi di euro da inizio 2020

Di questi 1,7 miliardi nel solo secondo trimestre.

Il crollo della domanda ha portato a un calo delle vendite dell’80% per l’intero Gruppo Lufthansa a 1,9 miliardi di euro nel secondo trimestre (anno precedente: 9,6 miliardi di euro).

La maggior parte del fatturato (1,5 miliardi di euro) è stato generato da Lufthansa Cargo e Lufthansa Technik.

L’EBIT rettificato del Gruppo è ammontato a meno 1,7 miliardi di euro nel secondo trimestre, rispetto ai 754 milioni di euro del Q2 2019, nonostante le notevoli riduzioni dei costi.

Le spese operative sono state ridotte del 59%, principalmente grazie all’introduzione del part-time per gran parte della forza lavoro e all’eliminazione delle spese non necessarie per le operazioni.

Tuttavia, queste misure sono state solo in grado di compensare parzialmente il calo delle vendite.

Il risultato del gruppo per i mesi da aprile a giugno è stato di meno 1,5 miliardi di euro (anno precedente: 226 milioni di euro).

La divisione cargo ha beneficiato di una domanda stabile,l’EBIT rettificato di Lufthansa Cargo è salito a 299 milioni di euro (anno precedente: meno 9 milioni di euro).

Primo semestre 2020

Nel primo semestre 2020, i ricavi del Gruppo Lufthansa sono diminuiti del 52 percento, attestandosi a 8,3 miliardi di euro (anno precedente: 17,4 miliardi di euro).

L’EBIT rettificato è stato di meno 2,9 miliardi di euro (anno precedente: 418 milioni di euro), l’EBIT meno 3,5 miliardi di euro (anno precedente: 417 milioni di euro).

La differenza dei due valori deriva principalmente da ammortamenti non programmati sugli aeromobili e diritti d’uso degli aeromobili per un importo di 300 milioni di euro, ammortamenti sull’avviamento di 157 milioni di euro e rettifiche di valore di investimenti in joint venture nella divisione tecnologica per un totale di 62 milioni di euro.

Inoltre, lo sviluppo negativo del valore di mercato dei contratti a copertura dei costi del carburante ha avuto un impatto negativo sul risultato finanziario nei primi sei mesi dell’anno di 782 milioni di euro. Rispetto allo stato del primo trimestre, questo effetto è diminuito di 205 milioni di euro. Il risultato consolidato si è così attestato a meno 3,6 miliardi di euro nella prima metà dell’anno (anno precedente: meno 116 milioni di euro).

Traffico Q2 2020

Nel secondo trimestre del 2020, le compagnie aeree del Gruppo Lufthansa hanno trasportato 1,7 milioni di passeggeri, il 96% in meno rispetto all’anno precedente.

L’offerta è diminuita del 95 percento. Load factor pari al 56%, 27 punti percentuali in meno rispetto al dato, già basso rispetto ad altri vettori, dell’anno precedente.

Cargo – 54% a causa della mancanza di capacità sugli aerei passeggeri. Il calo dei chilometri di merci vendute è stato del 47%. Ciò riflette un fattore di carico utile superiore di 10 punti percentuali (71%).

Traffico Q1+Q2 2020

Le compagnie aeree del gruppo Lufthansa hanno trasportato un totale di 23,5 milioni di passeggeri nei primi sei mesi, due terzi in meno -66% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. L’offerta è diminuita del 61%. Il load factor è sceso di 9 punti percentuali al 72%.

Flusso di cassa e liquidità

Gli investimenti sono scesi a 897 milioni di euro nella prima metà dell’anno (anno precedente: 1.904 milioni di euro), principalmente a causa del rinvio delle consegne di aeromobili programmate, mentre nel secondo trimestre gli investimenti sono stati di soli 127 milioni di euro.

La drastica riduzione degli investimenti, l’attenzione a livello di gruppo sulla sicurezza della liquidità e una rigorosa gestione del capitale circolante hanno limitato il deflusso di fondi nonostante il significativo calo degli utili.

Il flusso di cassa disponibile rettificato nella prima metà dell’anno è stato di meno 510 milioni di euro (anno precedente: 269 milioni di euro).

L’indebitamento finanziario netto è aumentato del 10 percento a 7,3 miliardi di euro rispetto alla fine del 2019.

La liquidità disponibile a livello centrale era di 2,8 miliardi di EUR il 30 giugno, in diminuzione di 1,4 miliardi di EUR rispetto al primo trimestre (31 marzo 2020: 4,2 miliardi di EUR).

I fondi promessi per stabilizzare il Gruppo Lufthansa, in particolare dal Fondo di stabilizzazione economica della Repubblica federale di Germania (WSF), non sono ancora inclusi nei dati sulla liquidità al 30 giugno 2020. Includendo questi fondi per un totale di nove miliardi di euro, il Gruppo aveva un totale di 11,8 miliardi di euro di liquidità al 30 giugno 2020.

Il gruppo ha ricevuto 2,3 miliardi di euro dal pacchetto di stabilità dall’inizio di luglio. Come risultato dell’aumento di capitale, con il quale il WSF ha costruito una partecipazione del 20% nel capitale sociale della società, il Gruppo Lufthansa ha ricevuto circa 300 milioni di euro in fondi liquidi. Il bando per la prima tranche della struttura KfW ha contribuito con un miliardo di euro e l’istituzione della partecipazione silenziosa II da parte del WSF ha assicurato un afflusso di fondi di un ulteriore miliardo di euro.

I deflussi di cassa dalla data di bilancio sono principalmente correlati al pagamento di richieste di rimborso per voli cancellati. A luglio, il gruppo ha pagato poco meno di un miliardo di euro. In totale, il gruppo ha rimborsato ai clienti circa due miliardi di euro nell’anno in corso 2020.

Lufthansa Group, il programma di ristrutturazione “ReNew”

Il gruppo presume attualmente che la domanda di viaggi aerei non tornerà ai livelli pre-crisi fino al 2024.

Il Gruppo Lufthansa ha quindi deciso un ampio programma di ristrutturazione denominato “ReNew”, che include anche i programmi di ristrutturazione già avviati dalle compagnie aeree e dalle società di servizi.

L’obiettivo resta quello di mantenere la competitività globale e la redditività futura del Gruppo Lufthansa.

Il programma prevede la riduzione di 22.000 posti a tempo pieno nel Gruppo Lufthansa.

La flotta del gruppo deve essere ridotta definitivamente di almeno 100 aeromobili.

Tuttavia, la capacità offerta nel 2024 dovrebbe corrispondere a quella del 2019.

A tal fine, la produttività dovrebbe essere aumentata del 15% entro il 2023

Gli organi esecutivi e di gestione delle società del gruppo saranno ridimensionati e il numero dei dirigenti del gruppo sarà ridotto del 20 per cento. 1.000 posti di lavoro saranno tagliati nell’amministrazione di Deutsche Lufthansa AG.

Le misure adottare dovrebbe consentire di rifinanziare quanto prima i fondi del pacchetto di stabilizzazione.

La pianificazione finanziaria del Gruppo prevede di generare nuovamente flussi di cassa positivi nel corso del 2021.

Al 30 giugno 2020, il numero di dipendenti nel Gruppo Lufthansa era diminuito di quasi 8.300 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, attestandosi attualmente a 129.400.

Lo scopo del gruppo era evitare per quanto possibile i licenziamenti per motivi operativi. Sullo sfondo degli sviluppi del mercato del traffico aereo globale e sulla base dei negoziati sui necessari accordi di crisi con i partner tariffari, questo obiettivo non è più realistico nemmeno per la Germania.

Carsten Spohr, CEO di Deutsche Lufthansa AG, afferma: “Stiamo vivendo una svolta nel traffico aereo globale. Non prevediamo più che la domanda torni su livelli pre-crisi su base sostenuta prima del 2024. Non ci sarà un rapido recupero, soprattutto con i collegamenti a lungo raggio. Siamo stati in grado di prendere contromisure nella prima metà dell’anno con una rigorosa gestione dei costi e dei ricavi di Lufthansa Technik e Lufthansa Cargo. E con le nostre offerte di viaggio privato dei marchi Eurowings ed Edelweiss in particolare, stiamo partecipando alle prime tendenze di ripresa sulle rotte turistiche. Tuttavia, non ci viene risparmiata una profonda ristrutturazione. Siamo convinti che tutta l’aviazione debba adattarsi a una nuova normalità. La pandemia offre al nostro settore un’opportunità unica per ricalibrare: mettere in discussione ciò che è familiare e invece di tendere alla “crescita a qualsiasi prezzo”, creare valori sostenibili e responsabili “.

Outlook

Il gruppo ha ampliato il suo programma di volo dall’inizio di luglio, principalmente per le rotte turistiche a corto raggio.

Il gruppo aveva posto l’espansione della propria posizione di mercato in questo segmento al centro della propria strategia anche prima della crisi.

Eurowings e Edelweiss avranno un ruolo importante in questa fase.

A luglio, il gruppo ha gradualmente aumentato l’offerta a circa il 20% del livello dell’anno precedente, con coefficienti di carico nel traffico europeo a corto raggio di oltre il 70%.

Nel terzo trimestre, la capacità offerta sulle rotte a corto e medio raggio deve essere aumentata a circa il 40% in media e a lungo raggio a circa il 20% rispetto al 2019.

Nel quarto trimestre, la capacità deve essere ulteriormente aumentata ad una media di circa il 55% (a corto e medio raggio) e di circa il 50% (a lungo raggio).

Entro la fine dell’anno, circa il 95% delle destinazioni a corto e medio raggio e circa il 70% delle destinazioni a lungo raggio saranno nuovamente servite.

Grazie all’elevata flessibilità nella pianificazione dell’offerta e della capacità, i valori possono variare anche con breve preavviso.

Nonostante l’espansione della capacità, il Gruppo Lufthansa prevede un EBIT rettificato significativamente negativo nella seconda metà del 2020 e un ulteriore calo significativo dell’EBIT rettificato per l’intero anno. Ciò riflette l’aspettativa che importanti collegamenti a lungo raggio possano ancora essere serviti solo in misura molto limitata a causa delle continue restrizioni di viaggio.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi