Airbus Lauda Lauda

Ryanair non molla Lauda ma blocca il piano di…

Tempo di lettura < 1 minuto

Ryanair non chiuderà Lauda, continuerà ad operare con 30 aerei, suddivisi nelle 4 basi, rimane da risolvere il nodo contratto nella base di Palma e potrebbe essere avviata una consultazione anche per le basi di Düsseldorf e Stoccarda.

Lauda manterrà il proprio marchio ma opererà con il codice FR di Ryanair.

La base di Vienna riaprirà il 1 ° luglio con oltre 330 posizioni di cabina ma gli aerei basati passeranno da 16 a 10.

Lauda ha ricordato che le esigenze di personale delle sue basi straniere erano “in fase di revisione”.

La flotta verrà comunque ridotta rispetto al piano precedente e diventerà nel gruppo Ryanair il brand specialista nel wet-lease.

Il COA austriaco servirà a Ryanair per operare alcune rotte extra UE a causa dei diritti di traffico assegnati alla compagnia aerea austriaca anziché a Ryanair, questi voli quindi potrebbero continuare con il codice OE di Lauda.

Prosegue quindi la procedura di licenziamento a Vienna di 12 piloti e 82 membri dell’equipaggio di cabina che non hanno accettato il nuovo contratto collettivo di lavoro.

Lauda attualmente ha una flotta di 32 A320-200 in leasing, ha annullato tutte le consegne future ed ha avviato la rinegoziazione dei contratti di locazione esistenti, ridurrà di 2 esemplari la flotta e ha deciso di arrestare qualsiasi ulteriore crescita nel breve termine.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi