Lauda

Lauda, riapre a luglio la base di Vienna

Tempo di lettura 2 minuti

Ed anche questa volta Michael è riuscito ad ottenere ciò che voleva, a Vienna in Austria.

Dopo l’ultimatum lanciato dallo stesso O’Leary e dall’ AD David O’Brien della controllata Lauda e poi la conferma della chiusura della base, e’ stata riaperta una trattativa dal sindacato che ha accettato la riduzione degli stipendi.

La base di Lauda a Vienna riprenderà gradualmente le operazioni di volo dal 1 ° luglio 2020, ha annunciato lunedì pomeriggio Lauda.

Tuttavia il numero di aeromobili in base a Vienna sarà temporaneamente ridotto da 16 a dieci A320 con una riduzione del personale.

Il personale che non ha accettato il nuovo contratto potrebbe quindi essere licenziato, lo si capisce dalla circolare, anche se non c’è alcuna conferma ufficiale.

Secondo la compagnia, il 90 percento dei piloti e il 66 percento degli assistenti di volo hanno accettato il nuovo contratto collettivo e le nuove condizioni.

Lauda vorrebbe ringraziare i nostri piloti e l’equipaggio di cabina viennesi per i loro eroici sforzi della scorsa settimana che hanno convinto con successo l’unione di Vida ad accettare il nuovo contratto collettivo di Lauda, che cambierà i loro contratti di lavoro dal 1 luglio e renderà lauda adatta intensa concorrenza post Covid contro Austrian Airlines, che riceverà fino a 800 milioni di euro in sussidi governativi, mentre Lauda non mancherà un centesimo. Lauda riaprirà a Vienna a luglio con costi aerei inferiori, costi aeroportuali inferiori e CT più efficiente. Avremo bisogno di questa efficienza in termini di costi per resistere con successo alla controllata Lufthansa (Austrian Airlines) sovvenzionata dallo stato e all’elusione fiscale di Wizzair, che paga i suoi equipaggi di Vienna in Svizzera e quindi evita le tasse austriache. Ci dispiace sinceramente che questa riapertura della nostra base di Vienna non salverà tutti i lavori dei nostri piloti e assistenti di volo, ma faremo tutto il possibile per tornare alla crescita a Vienna. È probabile che i posti di lavoro di tutti i nostri piloti e assistenti di volo che hanno accettato il nostro nuovo contratto collettivo vengano salvati. Insieme costruiremo una Lauda nuova e di successo e raggiungeremo il nostro obiettivo di creare la compagnia aerea n. 1 in Austria ”, afferma l’amministratore delegato di Lauda David O’Brien, che indica indirettamente che i lavori di coloro che non hanno votato per KV sono a rischio.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi