Ryanair

Ryanair, il B737Max non prima di settembre

Tempo di lettura < 1 minuto

Possibile anche la chiusura di altre basi.

Reuters è venuta in possesso di una nota interna di Ryanair, dove si legge che il vettore, non avrà a disposizione il max prima di settembre.

Ryanair, si legge nella nota non sarebbe intenzionata a prendere in consegna i velivoli nei mesi estivi, anche se il max riottenesse la certificazione per poter volare durante la summer 2020.

La motivazione è semplice, durante la stagione più affollata dell’anno nessun vettore ed in particolare Ryanair, non può permettersi intoppi che potrebbero mettere in seria difficoltà la programmazione estiva.

Un nuovo aeromobile quando va in consegna al vettore cliente, viene sottoposto dalla compagnia aerea ad una serie di controlli e ad una preparazione, per uniformare le dotazioni di bordo, con le procedure interne di sicurezza e le procedure operative.

Chiusura di altre basi?

Reuters ha continuato aggiungendo che il memo ha continuato a mettere in guardia su “possibili chiusure di basi e tagli di posti di lavoro“.

In ottobre, Ryanair ha chiuso cinque basi spagnole, incluso a Gran Canaria. e a dicembre Norimberga e all’aeroporto Skavsta di Stoccolma.

Ryanair ha dovuto ridurre i suoi piani di espansione a causa della mancata consegna del Max.

Ryanair aveva previsto, secondo le ultime dichiarazioni del vettore, di ricevere fino a 60 B737Max entro giugno di quest’anno, ma a quanto pare non sarà così.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi