Coronavirus Covid-19

A4E e aeroporti: no quarantena, si ai tamponi

Tempo di lettura 3 minuti

Un nuovo appello comune di compagnie aeree e aeroporti chiedono ai governi dell’UE e del Regno Unito di abolire immediatamente la quarantena per i passeggeri in arrivo dall’estero.

Le nuove linee guida EASA / ECDC confermano l’inefficacia della quarantena e invitano gli stati membri ad adottare misure omogenee ed incentivare l’uso dei tamponi.

Le linee guida confermano che i passeggeri aerei rappresentano meno dell’1% di tutti i casi di COVID-19 rilevati e non aumentano il tasso di trasmissione di COVID-19 nel paese di destinazione.

La situazione attualmente e’ effettivamente diversa da questa estate e le misure di prevenzione nei diversi paesi, riducono la possibilità di contagio.

I test rapidi e il successo dei corridoi di viaggio possono contribuire a ripristinare la fiducia dei passeggeri e supportare la diagnosi precoce dei casi asintomatici.

“Queste linee guida mostrano inequivocabilmente che le quarantene sono misure essenzialmente guidate dalla politica, non basate sul rischio che non hanno alcuna relazione con ciò che è effettivamente necessario per salvaguardare la salute pubblica. In quanto tali, le quarantene non superano il test di proporzionalità, un principio fondamentale del diritto dell’UE, soprattutto perché non esistono misure equivalenti alle frontiere terrestri. Ciò ha determinato limitazioni senza precedenti alla libertà di movimento e alla libertà di fornire servizi. Chiediamo ai governi nazionali di abolire immediatamente le restrizioni di quarantena e ripristinare la libertà di movimento per i cittadini europei “, ha affermato Olivier Jankovec, Direttore generale di ACI EUROPE

Un approccio più armonizzato e coordinato tra gli Stati dell’UE, dello SEE e del Regno Unito è essenziale per aumentare la chiarezza e la prevedibilità per i cittadini e le imprese a seguito dell’ultima raccomandazione del Commissione Europea. ed è essenziale per la ripresa del settore.

Le linee guida EASA / ECDC considerano che le quarantene di 14 giorni siano efficaci solo nella “situazione eccezionale” in cui un paese ha raggiunto il pieno controllo sul virus e ha ridotto i livelli di trasmissione a quasi zero, e solo allora per i viaggiatori che entrano da paesi in cui il virus continua a circolare la quarantena e’ efficace e secondo EASA e ECDC, l’attuale situazione in Europa e’ omogenea.

Oltre ai dati presentati dalle Linee Guida, diverse altre analisi confermano l’assenza di una correlazione tra traffico passeggeri e un aumento dei contagi a livello nazionale.

L’analisi di ACI EUROPE dei dati sui passeggeri aeroportuali nel terzo trimestre del 2020 evidenzia inequivocabilmente qualsiasi relazione tra i viaggi aerei e l’aumento delle velocità di trasmissione del COVID-19. Il breve aumento del traffico aereo di passeggeri durante questo periodo ha dimostrato di non avere alcuna relazione statisticamente significativa con il tasso di positività del test COVID-19.

Anche uno studio di Oxera3 ha confermato che il rischio di nuove infezioni da passeggeri dall’estero dovrebbe essere valutato in relazione ai livelli di infezione domestici.

Ad esempio tra i 409.800 passeggeri dall’UE al Regno Unito, solo lo 0,01% dei viaggiatori aerei erano positivi, ovvero un covid positivo ogni 10.000 viaggiatori.

McMaster HealthLabs in Canada ha anche pubblicato il suo rapporto intermedio sul loro studio COVID-19 sui passeggeri internazionali in arrivo, che conferma ancora una volta la cifra del 99% dei passeggeri risultati negativi. Questo, affermano i laboratori, è un potente strumento per prendere “decisioni politiche basate sulla scienza” e rifiutare le quarantene come approccio pertinente al contenimento.

Test rapidi che utilizzano le ultime tecnologie disponibili e soddisfano i criteri di alta sensibilità e sensibilità stabiliti dall’ECDC possono aiutare a ripristinare la prevedibilità, riaccendere la fiducia dei passeggeri e quindi ristabilire la connettività di volo per i passeggeri europei“, ha affermato Thomas Reynaert, Managing Director, Airlines for Europe (A4E ).

Le tecnologie di test si stanno evolvendo rapidamente e siamo pronti a collaborare con l’EASA, l’ECDC e i governi nazionali per implementare i metodi più efficienti ed efficaci per far ripartire l’Europa“, ha affermato Montserrat Barriga, Direttore generale, European Regions Airline Association (ERA) .

“I test rapidi sui passeggeri per COVID-19 apre la porta alla ripresa dei viaggi aerei eliminando la quarantena. E il pubblico è d’accordo: circa il 65% dei viaggiatori intervistati suggerisce che la quarantena non dovrebbe essere applicata ai passeggeri risultati negativi. Il protocollo EASA / ECDC chiarisce che la quarantena non è una misura efficace nelle attuali circostanze. Ed è importante che il protocollo venga applicato anche per rimuovere le restrizioni temporanee di viaggio sui viaggi non essenziali nell’UE da paesi terzi “, ha affermato Rafael Schvartzman, vicepresidente regionale della IATA per l’Europa.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi