Air Canada

Air Canada, risultati terzo trimestre 2020

Tempo di lettura 3 minuti

Air Canada registra ricavi per $ 757 milioni nel terzo trimestre 2020, – 86% rispetto al terzo trimestre del 2019, perdite per 785 milioni di dollari.

Rinviate le consegna dei nuovi Boeing 737-8 e Airbus A220 programmati per il 2021 e 2022, cancellati gli ordini per 10 Boeing 737-8 e 12 Airbus A220.

EBITDA negativo del terzo trimestre 2020, escluse le voci speciali, di $ 554 milioni rispetto all’EBITDA del terzo trimestre 2019 di $ 1,472 miliardi. perdita operativa di 785 milioni di dollari nel terzo trimestre del 2020 rispetto all’utile operativo di 956 milioni di dollari nel terzo trimestre del 2019.

Il fatturato totale dei passeggeri trasportati è diminuito dell’88% nel trimestre rispetto al terzo trimestre dello scorso anno. La liquidità l ammontava a $ 8,189 miliardi al 30 settembre 2020.

I risultati di oggi riflettono l’impatto senza precedenti di COVID-19 sul nostro settore a livello globale e su Air Canada, in quello che è stato storicamente il nostro trimestre più produttivo e redditizio. Fin dall’inizio, abbiamo fatto della salute e della sicurezza dei nostri clienti e dipendenti la nostra principale preoccupazione. compagnia aerea è stata leader nell’introduzione di livelli progressivi di protezione, come la nostra suite completa di misure di biosicurezza, Air Canada CleanCare +, e continuiamo a esplorare nuove tecnologie e processi per assicurare ulteriormente i viaggiatori e le autorità di regolamentazione. Tra le varie misure scientifiche che abbiamo sostenuto, i test negli aeroporti sono di gran lunga i più significativi, come dimostrato dallo studio di McMaster HealthLabs sui viaggiatori internazionali che arrivano a Toronto-Pearson. È stato riferito che è lo studio più grande mai realizzato nel suo genere ei risultati preliminari confermano chiaramente le alternative sicure esiste una quarantena obbligatoria di 14 giorni, che sta sia soffocando la domanda che frustrando i viaggiatori che sono disposti a essere testati ted “, ha dichiarato Calin Rovinescu, presidente e amministratore delegato di Air Canada.

“In parallelo, abbiamo agito in modo deciso per attuare il nostro piano di mitigazione e ripristino COVID-19. Da marzo, abbiamo raccolto quasi 6 miliardi di dollari di liquidità aggiuntiva, sfruttando quello che era uno dei bilanci più solidi del settore quando siamo entrati nella pandemia. passi dolorosi per l’eliminazione di 20.000 posti di lavoro, dopo averne creati 10.000 nei cinque anni precedenti, e per invertire 10 anni di espansione redditizia della rete riducendo la capacità di oltre l’80% nel terzo trimestre. Alla fine di giugno, abbiamo preso la difficile decisione di sospendere a tempo indeterminato 30 rotte nazionali e chiudere otto stazioni regionali e il nostro team di pianificazione della rete ha identificato fino a ulteriori 95 sospensioni di rotte nazionali, transfrontaliere e internazionali degli Stati Uniti e nove chiusure di stazioni canadesi necessarie per preservare la liquidità, tagliare i costi e ridurre le spese in conto capitale mentre ci prepariamo per un’impronta più piccola che dovrebbe durare diversi anni. Date le dichiarazioni pubbliche rese dall’onorevole Marc Garneau, ministro dei Trasporti canadese, l’8 novembre 2020 in merito all’avvio di discussioni immediate con le principali compagnie aeree in merito al sostegno specifico del settore dell’industria aeronautica, rinviamo le sospensioni aggiuntive delle rotte e le chiusure delle stazioni in attesa dello svolgimento di tali discussioni.

“Abbiamo adottato diverse misure per razionalizzare attentamente la nostra flotta esistente: stiamo accelerando il ritiro di 79 aeromobili di linea principale e Rouge. Rinviamo la consegna dei nuovi Boeing 737-8 e Airbus A220 programmati per la consegna nel 2021 e 2022 e cancelliamo 10 Boeing 737-8 e 12 Airbus A220, che rappresentano circa il 40% delle consegne programmate rimanenti. Nonostante le modifiche apportate ai nostri ordini, questi due aeromobili rimangono il nucleo della nostra flotta narrowbody e ci consentono di servire in modo efficiente rotte transcontinentali nazionali e transfrontaliere attraverso una migliore economia e gamma, fornendo al contempo un’eccellente esperienza al cliente. Attraverso questa ristrutturazione della flotta e altre iniziative di riduzione del capitale, abbiamo ridotto con successo le spese in conto capitale totali previste di circa $ 3,0 miliardi nel periodo dal 2020 al 2023 rispetto alle nostre spese in conto capitale previste totali alla fine del 2019.”

Air Canada ha annunciato una riduzione della forza lavoro di circa 20.000 dipendenti, che rappresentano oltre il 50% della sua forza lavoro, attraverso licenziamenti, cessazioni del rapporto di lavoro, licenziamenti volontari, prepensionamenti e congedi speciali ed ha adottato il sussidio salariale di emergenza canadese (CEWS) per la maggior parte della sua forza lavoro a partire dal 15 marzo 2020. Nel luglio 2020, il programma è stato ridisegnato ed esteso fino a dicembre 2020. Nel settembre 2020, il governo del Canada ha annunciato un’ulteriore proroga del programma fino a giugno 2021.

Air Canada prevede di ridurre la capacità del quarto trimestre 2020 di circa il 75% rispetto allo stesso trimestre del 2019. La compagnia aerea continuerà ad adeguare dinamicamente la capacità e ad adottare altre misure necessarie per tenere conto di avvertenze sanitarie, restrizioni di viaggio, quarantene , la chiusura delle frontiere a livello globale e la domanda dei passeggeri.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi