Johan Lundgren CEO di easyJet easyJet

Aggiornamento easyJet risultati al 31 marzo 2020

Tempo di lettura 8 minuti

easyJet prevede una perdita (al lordo delle imposte) tra £ 185m per £ 205m, in diminuzione rispetto al semestre precedente: £ 275m.

Le azioni decisive in termini di costi, il rinvio dell’acquisto di 24 nuovi aeromobili e i nuovi finanziamenti, assicurano che easyJet disponga di liquidità sufficiente per sopportare una lunga messa a terra della flotta. 

Johan Lundgren, CEO di easyJet, ha dichiarato: “La nostra performance commerciale nel primo semestre è stata molto forte prima dell’impatto del coronavirus, che dimostra la forza del modello di business di easyJet. “

Da allora sono stato immensamente orgoglioso del nostro team, in tutta l’azienda e del modo in cui hanno lavorato in questi tempi difficili per metterci nella posizione di forza in cui ci troviamo ora. Abbiamo intrapreso azioni rapide per affrontare le sfide del virus e in un periodo di circa 7 settimane hanno:

  • lanciato un’iniziativa di riduzione dei costi;
  • la messa a terra l’intera flotta, in un processo ben pianificato ed eseguito;
  • raggiunto un accordo aggiornato sulla flotta che rinvia 24 aerei, pur mantenendo un livello di flessibilità che sarà molto importante al termine di questa crisi

Queste azioni, combinate con il differimento e l’annullamento di una serie di altri progetti, ha contribuito a dare una svolta: £ 1 miliardo riduzione del capitale investito nell’arco di tre anni: e infine avviato un un programma di finanziamento che aggiungerà quasi£ 2 miliardi in finanziamenti extra in contanti, rafforzando la nostra posizione di liquidità. 

“Queste azioni decisive significano che easyJet è ben posizionato per sopportare una messa a terra prolungata. Rimaniamo concentrati sul fare ciò che è giusto per l’azienda per la sua salute a lungo termine e per garantire che siamo in una buona posizione per riprendere a volare quando la pandemia è finita.   Mentre la stragrande maggioranza della nostra gente non è in grado di lavorare in questo momento , c’è un piccolo numero che lavora instancabilmente per aiutare i nostri clienti e per pianificare il nostro ritorno nei cieli, ogni volta che ciò potrebbe essere “. 

Entrate

Le entrate totali per i sei mesi chiusi al 31 marzo 2020 sono aumentate dell’1,6% a £ 2.382 milioni (H1 2019: £ 2,343m), con una riduzione della capacità del 7,6% a 42,7 milioni di posti (primo semestre 2019: 46,2 m). 

I ricavi per posto a valuta costante dovrebbero aumentare del 10,2%. Ciò riflette una continuazione delle forti prestazioni osservate nel primo trimestre, con una prestazione RPS molto forte a gennaio e febbraio, prima dell’impatto delle restrizioni di viaggio causate dal coronavirus. 

La vendita delle destinazioni winter 20/21 sono stati rilasciati prima del solito, le prenotazioni per l’inverno sono molto più avanti rispetto al punto equivalente dell’anno scorso, e questo include i clienti che stanno riprenotando i voli con cancellati a causa del coronavirus per date successive. 

Durante la pandemia di coronavirus easyJet da la possibilità di cambiare gratuitamente la prenotazione. come molti altri vettori o a discrezione del cliente richiedere un buono per il valore della prenotazione o ricevere un rimborso. 

Fortunatamente vista la liquidità di easyJet che ha una forte percentuale composta dai biglietti già venduti, oltre la metà dei passeggeri a scelto voucher o voli alternativi. 

Nell’aggiornamento si legge che in questa fase non può esserci alcuna certezza della data per il riavvio dei voli commerciali, quindi easyJet monitorerà continuamente la situazione e sulla base delle modifiche delle normative e della domanda dei clienti, aggiornerà il mercato a tempo.

Si sta lavorando a diversi scenari di domanda per ricominciare a volare, easyJet potrebbe riprendere a volare con un preavviso di sole due settimane.

Costi operativi

Si prevede che i costi totali totali nel primo semestre diminuiranno dell’1,6% a seguito di riduzioni delle spese variabili come carburante e tasse aeroportuali. 

Il costo principale della compagnia aerea per posto escluso il carburante a valuta costante dovrebbe aumentare del 9,5% nel primo semestre. 

La pandemia di coronavirus ha determinato un ulteriore aumento del 4,5% dei costi, dovuto a:

  • Significativi aumenti dei costi dovuti alle cancellazioni;
  • Pagamento delle retribuzioni per i piloti  e personale di bordo per gran parte del mese di marzo, quando molti voli venivano cancellati;
  • Riduzione della capacità. 

Questi aumenti di costo sono stati in qualche modo compensati da:

  • Riduzione delle tariffe di navigazione;
  • minori spese di marketing;
  • Tariffe aeroportuali ridotte;
  • Costi di Wet leasing. 

easyJet ha adottato misure decisive per rimuovere i costi e le spese non indispensabili dall’azienda a tutti i livelli, per contribuire a mitigare l’impatto del coronavirus. 

La messa a terra degli aeromobili rimuove costi significativi. 

Le voci di costo che sono cambiate materialmente includono:

Il sistema per il pagamento del carburante, che non prevede il pagamento di un costo fisso anche in caso di non volo, In merito agli Aeroporti e assistenza a terra i team si sono mossi rapidamente per ridurre i costi. Attualmente easyJet non sta sostenendo praticamente alcun addebito mentre la flotta è a terra.

Personale: la maggior parte del personale di easyJet è in servizio durante i mesi di aprile e maggio, con un numero limitato di membri che lavorano ancora in funzioni centrali, con il supporto economico dei vari paesi in cui easyJet ha basi, per il sostegno al reddito ( CIGS in Italia approvata nei giorni scorsi per 12 mesi),

L’alta percentuale di costi variabili ha garantito ad easyJet un impatto inferiore sui conti, rispetto ad altri vettori.

I differimenti del flusso di cassa sono stati raggiunti anche attraverso estensioni dei termini di pagamento negoziate con molti dei principali fornitori, inclusi aeroporti, gestori di terra e fornitori di carburante. 

Sono stati esplorati tutti i sistemi di pagamento delle imposte governative, compresi gli accordi sul “tempo di pagamento” e il rimborso del pagamento dell’imposta sulle società in conto. 

Si stima che i costi operativi fluttuano tra £ 30-40 milioni a settimana, mentre la flotta è a terra, rispetto ai £ 125 milioni quando si vola un programma completo.

Costi Capitale

Il 9 aprile easyJet ha annunciato di aver raggiunto un accordo con Airbus per il differimento netto di 24 consegne di aeromobili dagli esercizi finanziari 2020, 2021 e 2022.

Di conseguenza easyJet non effettuerà consegne di aeromobili nell’anno 2021 e manterrà l’opzione di rinviare altre 5 consegne nell’anno 22.

Numero di aeromobiliMar-20HYSep-20FYSep-21FYSep-22FYSep-23FY
Minimo precedente337352330309304
Massimo precedente337352354365383
Nuovo minimo337335 *302286281
Nuovo massimo337342332338353
Consegne previste   8 **6 **   08-137-29

* Presuppone la vendita di 6 vecchi velivoli ancora da effettuare.

** 6 consegne di aeromobili previste per il resto del 2020. Ciò comporterebbe un totale di 14 consegne per l’anno

Il piano di flotta base di easyJet per la fine di settembre 2020 è di 335 aerei.

Il rinvio o annullamenti di numerosi altri progetti hanno permesso di ridurre la nostra spesa in conto capitale prevista di circa £ 1 miliardo in tre anni. 

Flussi di cassa lordi anticipati aggiornati:

FY 2020ESERCIZIO 2021ESERCIZIO 2022ESERCIZIO 2023
c.£ 900mc.£ 600mc.£ 1.000 mTBC

Leasing

Entro i prossimi 16 mesi easyJet ha 24 contratti di leasing operativi da rinnovare, che offrono ulteriore flessibilità, tra cui il differimento e la cancellazione.

easyJet e Airbus

Nell’aggiornamento easyJet sottolinea che non ha la possibilità di risolvere il contratto a causa di forza maggiore, questo è lo standard nei contratti di acquisto di aeromobili, nonostante ciò, se easyJet tentasse di risolvere il contratto di acquisto con Airbus, sempre secondo il vettore, vi sarebbero un aumento dei costi operativi per le licenze e la perdita di garanzie che rendono il processo di manutenzione completo dell’aeromobile attualmente competitivo da parte di Airbus.

Senza contare che nel caso di annullamento, easyJet sarebbe responsabile per un significativo risarcimento relativo agli sconti ricevuti sui 45 aeromobili già consegnati, previsti nel contratto stipulato nel 2013;

easyJet sarebbe responsabile per eventuali perdite future che Airbus potrebbe dimostrare a seguito della risoluzione del contratto. 

Come risultato di queste azioni, la flotta ha il potenziale per essere sostanzialmente inferiore al piano precedente, pur mantenendo la flessibilità necessaria per rispondere agli ambienti della domanda futura.  

Finanziamenti

easyJet annuncia oggi di aver firmato due prestiti per un totale di c.£ 400m. 

Entrambi i prestiti maturano nel 2022 e sono garantiti contro le attività degli aeromobili.

Come annunciato all’inizio di questo mese, easyJet ha ottenuto  £ 600 milioni di commercial paper attraverso il Covid Corporate Financing Facility (CCFF) e ha completamente attivato $ 500 milioni dello strumento di credito rotativo.

Inoltre, si continua a collaborare con un locatore interessato all’acquisizione di aeromobili dalla flotta di easyJet su base di vendita e locazione. 

Le comunicazioni sullo stato di avanzamento di questi impegni saranno fatte a tempo debito, si prevede di ottenere ulteriore liquidità di£ 400- £ 550 milioni. 

A seguito di queste ulteriori misure di finanziamento, circa il 50% della nostra flotta rimarrà libera da vincoli.

Alla chiusura di tutte queste iniziative di finanziamento, easyJet prevede di generare liquidità aggiuntiva totale di circa .£ 1.85- £ 1,95 miliardi che portano a un saldo monetario nozionale di circa £ 3,3 miliardi.

3 scenari

easyJet ha eseguito un’analisi degli scenari ipotizzando che la flotta rimanga completamente a terra per 3 mesi, 6 mesi e 9 mesi, utilizzando le seguenti ipotesi:

  • la percentuale tra i passeggeri che scelgono un rimborso in voucher invece che in contanti, continui come ora con una percentuale maggiore in voucher;
  • il  personale rimanga in congedo fino alla fine di maggio;
  • nessuna modifica sostanziale alle disposizioni dell’acquirente dei commercial paper;
  • nessun cambiamento sostanziale nei tassi di cambio o carburante;
  • i ricavi delle nuove prenotazioni rimangono minimi.

Questa analisi ha dimostrato che dispone di riserve di liquidità sufficienti per continuare ad aver liquidità in una serie di scenari:

Durante una messa a terra di 3 mesi easyJet userebbe in giro£ 1,2 miliardi in contanti;

Durante una messa a terra di 6 mesi userebbe circa £ 2,2 miliardi in contanti;

Durante una messa a terra di 9 mesi circa £ 3.0 miliardi in contanti. 

Vista la possibilità di una messa a terra prolungata, easyJet continuerà a considerare ulteriori opzioni di liquidità e finanziamento     

Durante una messa a terra prolungata ci sarebbero opportunità per rinviare ulteriormente le spese di manutenzione

Potrebbero essere richiesti ulteriori aiuti del governo, in relazione al congedo prolungato e alle agevolazioni fiscali. 

Ulteriori modifiche operative e organizzative potrebbero essere apportate. 

Carburante e costi fissi, CAPEX

A causa della piena messa a terra della flotta e della ridotta capacità prevista per diversi mesi in seguito, easyJet si trova in una posizione significativamente coperta sia dal punto di vista del carburante per jet che da quello FX. 

Ciò avrà un effetto negativo sul conto economico di easyJet nel primo semestre, a causa della rilevazione dell’inefficacia dell’hedge accounting. 

Inoltre, con la precisa suddivisione in fasi delle future consegne in conto capitale ancora da concordare, cercherà di coprire queste future consegne in conto capitale una volta chiarita ulteriormente la posizione. 

Solo due giorni fa Stelios ha inviato una nuova lettera tramite i suoi avvocati per richiedere informazioni dettagliate, proprio in merito a questo specifico argomento.

Per mitigare gli effetti dell’over-hedging, sono state intraprese una serie di azioni, tra cui la cessazione della copertura del carburante per aerei, mentre la flotta è completamente a terra, per periodi da aprile 2020 a ottobre 2021.

La copertura continua per periodi di tempo successivi, a approfittare dell’ambiente a basso prezzo.

 Una volta chiarita ulteriormente la probabile durata della messa a terra della flotta, il normale programma di copertura di easyJet riprenderà sia per i cambi sia per i carburanti. 

Key H1 financials 6

Six months ended

31 mar 202031 mar 2019ModificareFav./(adv.)
    
Passeggeri (milioni) 138,641.6(7,4)%
Posti (milioni) 242.746,2(7,6)%
Fattore di carico (%) 390,3%90,1%0.2ppts
    
Entrate totali (milioni di £)2.3822.3431,6%
Entrate passeggeri (milioni di £)1.8331.8240,5%
Entrate accessorie (milioni di £)5495195,7%
    
Entrate totali della compagnia aerea per posto a sedere segnalate (£)  55.6050.719,6%
Entrate totali della compagnia aerea per valuta costante di posto (£)55.8750.7110,2%
    
Costo totale del titolo aereo per posto a sedere segnalato (£)(59.75)(56.66)(5,5)%
Costo totale della compagnia aerea per posto a valuta costante (£)(60.76)(56.66)(7,2)%
Costo del titolo della compagnia aerea per posto, escluso il carburante a valuta costante (£)(47.81)(43.64)(9,5)%
    
ASKs (million)46.75349.367(5,3)%
RPK (milioni)42.92045.091(4,8)%
Lunghezza media del settore (km)1.0951.0682,5%

Note:

1. Rappresenta il numero di posti guadagnati volati. I posti guadagnati comprendono i posti che vengono pilotati indipendentemente dal fatto che il passeggero si presenti o meno, poiché easyJet è una compagnia aerea senza rimborso e, una volta che un volo è partito, un cliente che non effettua voli non ha in genere il diritto di cambiare volo o chiedere un rimborso. I posti guadagnati includono anche posti previsti a fini promozionali e per il personale in viaggio d’affari.

2. Capacità basata sul numero effettivo di posti volati.

3. Rappresenta il numero di passeggeri in proporzione al numero di posti disponibili per i passeggeri. Non viene effettuata alcuna ponderazione del fattore di carico per riconoscere l’effetto delle lunghezze di volo (o “settore”) variabili.

4. Basato su un prezzo spot del carburante di $ 370pmt. Da US $ a £ 1,22, da Euro a £ 1,13. 

5. Le informazioni relative ai prestiti a termine per un importo di circa 400 milioni di sterline contenute nella precedente voce “Finanziamento” sono considerate informazioni privilegiate. Ai fini di MAR, la persona responsabile dell’organizzazione del rilascio di questo annuncio è Maaike de Bie, segretario della compagnia.

6. Tutti i numeri preliminari del primo semestre 2020 sono soggetti alla revisione dei revisori

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi