Virgin Australia

Virgin Australia,le split scimitar wingtips in 4 B737-800

Non so se avete mai notato le estremità delle ali, ovvero le winglets, ne esistono di diversi tipi, forma e composizione (materiali)

Le ultimissime nate sono, per Airbus le “sharklets” mentre per Boeing le “split scimitar wingtips”.

Le winglets, possono essere modificate anche successivamente alla messa in servizio dell’aereomobile, le estremità delle ali infatti, come ho potuto constatare in prima persona nello stabilimento Airbus di Amburgo, vengono montante successivamente, ed infatti ai Boeing B737-800 di Virgin Australia, vengono sostituite con le nuove  “split scimitar wingtips” .

Le nuove winglets garantiscono una riduzione dei consumi di carburante, aumentando l’aerodinamica dell’aeromobile, la forma delle ali e di ogni sua parte, così come il materiale utilizzato, contribuisce infatti a rendere l’aeromobile sempre più rispettoso dell’ambiente, sfruttando leggi fisiche ed anche prendendo spunto dal volo di alcuni uccelli, come ha fatto Airbus con Albatros ONE .

Virgin Australia è la prima compagnia aerea ad utilizzarle sul modello B737 NG, ma le stesse alette sono utilizzate su tutti i modelli MAX del B737

Virgin Australia ha rilasciato al seguente nota:

“Le split scimitar wingtips utilizza la tecnologia dell’ala miscelata esistente ma aggiunge nuove punte aerodinamiche Scimitar, progettate a forma di V laterale, aumentando ulteriormente l’efficienza del velivolo e riducendo la quantità di carburante che bruciamo e riducendo le emissioni di carbonio”.

Virgin Australia, utilizzerà i B737-800 con le nuove alette nelle sue rotte internazionali a corto raggio.

Il primo Virgin Australia 737-800 (VH-YIV) è già stato dotato delle split scimitar wingtips ad agosto, a Christchurch, in Nuova Zelanda. Altri 4 737-800 sono stati adattati con le alette. Queste punte nuevo winglets potrebbero apparire come piccole aggiunte al velivolo, ma l’Australian Aviation riferisce che le punte delle ali pesano 150 kg. Hanno un prezzo di listino di circa $ 500.000 USD più i costi di installazione.

I vantaggi delle split scimitar wingtips non sono evidenti durante il decollo e l’atterraggio. I vantaggi si ottengono quando l’aeromobile si trova a quota di crociera. Le punte delle ali funzionano su voli di tre ore o più, in cui l’aeromobile trascorre un discreto periodo di tempo in altitudine di crociera.

Paul Surrah, nuovo AD di Virgin Australia, sta puntando molto sulla riduzione dei costi, che in questo caso viaggiano parallelamente con la trasformazione della flotta, in una flotta sempre più rispettosa dell’ambiente, una riduzione di consumi ovviamente si riduce in riduzione delle emissioni, sarà interessante vedere se anche altri B737-800, verranno dotati delle nuove alette.

 

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi