Alitalia

easyJet si ritira dal dossier Alitalia

Tempo di lettura 2 minuti

In una nota diffusa da easyJet dopo un attenta valutazione, il vettore ha comunicato di ritirarsi dal “dossier Alitalia”

Nei giorni precedenti il governo stava consolidando la sua idea di Alitalia compagnia di Bandiera e quindi il ministro dei trasporti Danilo Toninelli, lo specificava con l’intenzione di mantenere almeno il 51% delle azioni in mano ad investitori italiani.

Le Offerte

A inizio novembre invece, in una delle scadenze della gara, Alitalia comunicò che erano 3 le offerte pervenute allo scadere dell’ultimo giorno per la presentazione delle offerte: Ferrovie dello Stato e easyJet entrambi vincolanti e una non vincolante di Delta.

Sia Ferrovie che easyJet, avevano da subito espresso l’intenzione di entrare in Alitalia, ma con specifiche condizioni, una ristrutturazione della compagnia e in un consorzio con partner finanziari ed operativi.

Johan Lundgren, A.D, di easyJet rilasciò la seguente dichiarazione:

apice

EasyJet ha inviato una manifestazione d’interesse rivista per un’Alitalia ristrutturata, come parte di un consorzio, deve essere un’operazione che per noi ha un senso da un punto di vista commerciale e strategico.

E’ bene sottolineare: “parte di un consorzio, deve essere un’operazione che per noi ha un senso da un punto di vista commerciale e strategico“, perchè easyJet non ha mai detto no ad un Alitalia con partecipazione statale, anche se solo a determinate condizioni.

Si decide di proseguire la trattativa con easyjet e Delta come partner operativi e commerciale, i due vettori si incontrato e a Londra presentarono a febbraio 2019 un primo piano per poi entrambi a inizio marzo frenare, “Nulla è ancora deciso” precisarono Ed Bastian A.D. di Delta e John Lundgren per easyJet, in due interviste differenti in occasione di due importanti incontri a Berlino e Bruxelles.

easyJet puntava in particolare a 30 aeromobili e ad un aumento della presenza del vettore inglese su Linate con più slot ed una modifica dell’operatività dello scalo cittadino Milanese con un decreto ad HOC, per integrare il proprio network con quello di Alitalia e più in generale sul medio e corto raggio.

easyJet si ritira

Ieri la nota di easyJet :

apiceA seguito delle conversazioni per la creazione di un consorzio che valutasse le opzioni per le future operazioni di Alitalia easyJet ha deciso di ritirarsi dal processo”. 

EasyJet ci tiene a sottolineare nello stesso comunicato che: “conferma il suo impegno per l’Italia quale mercato chiave della compagnia, dove attualmente trasporta 18,5 milioni di passeggeri ogni anno, impiegando 1400 piloti e assistenti di volo con contratti di lavoro italiani. Continueremo a investire nelle tre basi di Milano, Napoli e Venezia come abbiamo fatto negli ultimi anni, aggiungendo rotte e capacità“.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi