Air Europa

Si valuta ingresso stato in Air Europa, IAG partecipa

  • 2 anni fa
  • 2minuti

Dopo la rescissione del contratto di acquisizione di Air Europa da parte di Iberia (IAG), una delle opzioni in campo da valutare è sempre stata l’ingresso dello stato come azionista in Air Europa, il governo spagnolo, ritenendola strategica, non ha mai escluso questa opzione.

Secondo quanto riferisce Bloomberg, lo stato potrebbe acquistare (anche convertendo il debito) fino al 40% della compagnia da Globalia, un ruolo dovrebbe averlo anche IAG che ne acquisirebbe una parte, i colloqui sono in corso.

Il vicepresidente e ministro dell’Economia e della Trasformazione digitale spagnola, Nadia Calviño, ha confermato che stanno valutando questa opzione dopo che l’acquisto dell’azienda è stato interrotto.

Dallo scoppio della pandemia, lo Stato ha iniettato in Air Europa un totale di 615 milioni di euro: un prestito garantito dall’ICO per un importo di 140 milioni e un salvataggio di 475 milioni autorizzato dalla Società Statale delle Partecipazioni Industriali (SEPI) . Una delle opzioni allo studio del Governo è quindi quella di capitalizzare parte di tale debito diventando azionista.

IAG non ha mai chiuso le porte ad Air Europa, anche quando a dicembre 2021, hanno risolto l’accordo firmato il 4 novembre 2019 e modificato il 20 gennaio 2021, in base al quale la controllata di IAG, Iberia, aveva accettato di acquisire l’intero capitale azionario emesso di Air Europa.

Con questo accordo di rescissione, IAG ha raggiunto un’intesa con Globalia per valutare, entro la fine di gennaio 2022, strutture alternative che possano interessare entrambe le società e offrire vantaggi significativi ai propri azionisti, clienti e dipendenti e quindi una nuova opzione di salvataggio di Air Europa.

Oltre al break-fee precedentemente concordato di 40 milioni di euro, IAG pagherà a Globalia 35 milioni di euro.

Entrambe le parti avevano convenuto che tali importi saranno applicati per ridurre qualsiasi futuro prezzo di acquisto in caso di raggiungimento di un nuovo accordo e per evitare qualsiasi controversia relativa all’Acquisizione.