ITA airways

Lufthansa continua a corteggiare ITA Airways

Tempo di lettura 2 minuti

Io non parlerei infatti, di un “ritorno di fiamma” o di un nuovo piano di Lufthansa per ITA Airways, è sufficiente fare un passo indietro al 2017, quando iniziarono a girare le prime bozze di piani e condizioni di Lufthansa per entrare nel capitale di Alitalia.

Le uniche modifiche al piano sono state fatte negli esuberi che Lufthansa prevedeva, con una riduzione, per il resto, le intenzioni di Lufthansa sono sempre le stesse, nulla è cambiato ed ITA Airways, come più volte si è detto, nonostante l’alleanza con SkyTeam e quindi con Air France, sembra seguire proprio il piano dettato all’epoca e poi aggiornato di Lufthansa.

Si parla oggi di una quota del 40% di Lufthansa in ITA Airways, una quota anche in questo caso che era già stata prevista per un ingresso iniziale di Lufthansa nel capitale di Alitalia, ora di ITA.

Nulla di nuovo quindi, ora dopo lo spezzatino, il ridimensionamento e la possibilità di Lufthansa di tornare ad investire in compagnie aeree, avendo rimborsato allo stato tedesco gli aiuti al gruppo Lufthansa per il Covid-19, può tornare a discutere apertamente con ITA Airways.

Facciamo qualche passo indietro al 2017

Nel 2017 il piano di Lufthansa prevedeva di lasciare una parte degli slot di Linate ad Eurowings, di mantenere l’HUB principale di Alitalia a Roma Fiumicino, con Alitalia che avrebbe avuto lo stesso ruolo delle altre compagnie del gruppo Lufthansa, che ha salvato negli anni, ovvero Austrian Airlines, SWISS ma anche Brussels Airlines.

Carsten Spohr, CEO Lufthansa, commento così il piano: “dovrebbe ricordare il percorso della svizzera Swiss, riportata in vita dopo il fallimento di Swissair, ma con al centro una strategia differente tra Nord e Centro-Sud Italia”.

… al 2019

Nel 2019, Lufthansa continuo con lo stesso piano ed insistendo sul fatto che non avrebbe mai investito in Alitalia se non dopo una ristrutturazione della compagnia.

“Siamo interessati a guardare una nuova Alitalia ristrutturata, se ha senso per noi e i nostri azionisti, il nostro personale e i nostri clienti a causa dell’importanza del mercato italiano”. disse sempre Carsten Spohr, CEO Lufthansa.

… al 2020

Nel 2020 si parlava di Newco, non ancora di ITA Airways e Lufthansa che non è mai uscita totalmente dalla partita, torna a parlare di una partnership commerciale, escludendo ancora una volta di entrare nel capitale, se non dopo una ristrutturazione.

Anche qui sembra che l’Italia e la Commissione Europea stesse proprio seguendo quel piano….

… al 2021

Il 20 febbraio 2021 scrissi in un articolo: “Chi ha seguito fin dall’inizio la questione, sa bene che l’opzione tedesca non è mai uscita veramente dal dossier Alitalia, anche se non se n’è parlato, ma più volte e da più fonti è stato detto che tutti gli indizi portavano ad un piano che trasformava (finalmente) Alitalia, preparandola per l’ingresso di Lufthansa.”

Quindi, in questi ultimi 5 anni cos’è cambiato nel piano iniziale di Lufthansa ?