Alaska Airlines

Alaska Air Group collabora con ZeroAvia

Tempo di lettura 2 minuti

Alaska Air Group diventa azionista di ZeroAvia per sviluppare un propulsore a idrogeno da incorporare inizialmente nei suoi 32 De Havilland DHC-8-400 (Q400) (gestito da Horizon Air) da 76 posti.

Alaska Airlines copre diverse rotte regionali verso isole e zone remote dell’Alaska dove questi tipi di velivoli con un numero di posti limitato, che si ridurrà ulteriormente con l’istallazione dei serbatoi per l’idrogeno, possono essere utilizzati ed in una prima fase, essere testati in voli commerciali regolari.

ZeroAvia incorporerà un sistema di propulsione idrogenoelettrico da 3 MW+, prodotto dall’unità ZA2000, la più grande piattaforma powertrain di ZeroAvia, in grado di produrre tra 2.000 kW e 5.000 kW, in un velivolo De Havilland DHC-8-400 (Q400) che avrà un’autonomia di 500 miglia.

Zero Avia conta tra gli azionisti anche Amazon con il Climate Pledge Fund e Breakthrough Energy Ventures di Bill Gates.

L’Alaska si impegna a creare un futuro sostenibile per l’aviazione, lavorando su tutti gli aspetti di un  percorso in cinque parti  verso il nostro obiettivo di zero netto entro il 2040″, ha affermato Diana Birkett Rakow, vicepresidente degli affari pubblici e della sostenibilità per Alaska Airlines. Siamo onorati di collaborare con il team innovativo e lungimirante di ZeroAvia, per supportare i loro progressi nello sviluppo dell’aviazione a emissioni zero e per collaborare per il successo dell’aviazione a idrogeno nel mondo reale”.

ZA2000

Gli ingegneri dell’Alaska e di ZeroAvia lavoreranno insieme per ridimensionare la piattaforma di propulsione esistente dell’azienda per produrre lo ZA2000, una famiglia di motori in grado di produrre tra 2.000 e 5.000 kilowatt di potenza con un’autonomia di 500 miglia. 

La partnership inizialmente dispiegherà la tecnologia di propulsione idrogeno-elettrica di ZeroAvia in un aereo De Havilland Q400 a grandezza naturale, precedentemente gestito dalla sussidiaria dell’Alaska Air Group  Horizon Air Industries, Inc. , in grado di trasportare 76 passeggeri. 

ZeroAvia lavorerà inoltre a stretto contatto con i regolatori degli aeromobili durante questo progetto per garantire che l’aeromobile soddisfi i requisiti di sicurezza e operativi. ZeroAvia allestirà una sede nell’area di Seattle per supportare questa iniziativa.

Alaska Airlines ha anche assicurato opzioni per un massimo di 50 kit per iniziare a convertire i suoi aerei regionali in energia elettrica a idrogeno attraverso il propulsore a emissioni zero di ZeroAvia, a partire dal velivolo Q400. 

Questo pionieristico lancio dell’aviazione a emissioni zero sarà supportato dall’infrastruttura di produzione e distribuzione di carburante a terra di ZeroAvia e dei suoi partner infrastrutturali, come Shell. Lavorare per far avanzare una nuova propulsione è una delle cinque parti della strategia dell’Alaska per raggiungere lo zero netto.

L’industria aeronautica è una delle industrie più difficili da decarbonizzare; tuttavia, con questa collaborazione, siamo un passo più vicini al raggiungimento del nostro obiettivo di rendere i nostri cieli privi di emissioni”, ha affermato Val Miftakhov, CEO e fondatore di ZeroAvia. “Siamo entusiasti di vedere l’Alaska assumere un ruolo guida nell’implementazione di tecnologie pulite nelle sue operazioni e non vediamo l’ora di mettere gli stivali a terra con il team dell’Alaska..”

Recentemente, ZeroAvia ha anche testato con successo a terra il suo propulsore da 600 kW in   grado di pilotare cellule da 10-20 posti nella dimensione di 500 miglia, è a buon punto nella preparazione di un aereo da 19 posti per i test di volo all’aeroporto di Cotswold nel Regno Unito e si sta spostando a grandezza naturale produzione del prototipo del suo motore da 2.000 kW per dimostrazioni nel 2022.