Aviation

Il primo studio sulle emissioni di un volo al…

Tempo di lettura 3 minuti

Airbus, il centro di ricerca tedesco DLR, Rolls-Royce e il produttore di SAF Neste, avviano il progetto “Emission and Climate Impact of Alternative Fuels’ (ECLIF3).

Il progetto di ricerca, esaminerà le emissioni di un volo al 100% SAF, per verificare e confrontare l’impatto ambientale del SAF rispetto al carburante tradizionale per aviazione.

Per lo studio, il primo del suo genere, verrà utilizzato l’Airbus A350-900 con motori Rolls-Royce Trent XWB.

Airbus A350-900 flightlab

I dati verranno raccolti sia a terra che in volo e sosterranno gli sforzi attualmente in corso presso Airbus e Rolls-Royce per garantire che il settore dell’aviazione sia pronto per l’uso su larga scala di SAF come parte dell’iniziativa più ampia per decarbonizzare il settore.

I test sui motori per lo sdoganamento del carburante, compreso un primo volo per verificare la compatibilità operativa dell’utilizzo del 100% SAF con i sistemi dell’aereo, sono iniziati questa settimana presso le strutture di Airbus a Tolosa, in Francia.

Questi saranno seguiti dai test delle emissioni di volo che inizieranno ad aprile e riprenderanno in autunno, utilizzando il Falcon 20-E di DLR “chase plane” per effettuare misurazioni per indagare sull’impatto delle emissioni dell’utilizzo di SAF.

Nel frattempo, ulteriori test a terra per misurare le emissioni di particolato sono impostati per indicare l’impatto ambientale dell’uso di SAF sulle operazioni aeroportuali.

Sia i test di volo che quelli a terra confronteranno le emissioni derivanti dall’uso di 100% SAF prodotto con tecnologia HEFA (esteri idroprocessati e acidi grassi) con quelle del cherosene fossile e del cherosene fossile a basso tenore di zolfo.

Il SAF sarà fornito da Neste, fornitore leader a livello mondiale di carburante sostenibile per l’aviazione. Ulteriori misurazioni e analisi per la caratterizzazione delle emissioni di particolato durante i test a terra saranno fornite dall’Università di Manchester del Regno Unito e dal Consiglio nazionale delle ricerche del Canada.

“SAF è una parte vitale dell’ambizione di Airbus di decarbonizzare l’industria aeronautica e stiamo lavorando a stretto contatto con una serie di partner per garantire un futuro sostenibile per i viaggi aerei”, ha affermato Steven Le Moing, New Energy Program Manager, Airbus. “Attualmente gli aerei possono operare solo utilizzando una miscela massima del 50% di SAF e cherosene fossile; Questa entusiasmante collaborazione non solo fornirà informazioni su come funzionano i motori a turbina a gas utilizzando il 100% SAF in vista della certificazione, ma identificherà anche le potenziali riduzioni delle emissioni e i vantaggi ambientali dell’utilizzo di tali combustibili in volo su un aereo commerciale “.

Il dott. Patrick Le Clercq, Project Manager ECLIF presso DLR, ha dichiarato: “Investigando il 100% di SAF, stiamo portando la nostra ricerca sulla progettazione del carburante e sull’impatto climatico dell’aviazione a un nuovo livello. In precedenti campagne di ricerca, siamo stati già in grado di dimostrare il potenziale di riduzione della fuliggine tra il 30 e il 50% di miscele di combustibili alternativi e speriamo che questa nuova campagna dimostri che questo potenziale è ora ancora maggiore. DLR ha già condotto ricerche approfondite su analisi e modellazione, oltre a eseguire test a terra e di volo utilizzando combustibili alternativi con il velivolo di ricerca Airbus A320 ATRA nel 2015 e nel 2018 insieme alla NASA”.

Simon Burr, Direttore Sviluppo prodotto e tecnologia, Rolls-Royce Civil Aerospace, ha aggiunto: “Nel nostro mondo post-COVID-19, le persone vorranno connettersi di nuovo ma lo faranno in modo sostenibile. Per i viaggi a lunga distanza, sappiamo che ciò comporterà l’uso di turbine a gas per i decenni a venire. Il SAF è essenziale per la decarbonizzazione di quel viaggio e sosteniamo attivamente l’aumento della sua disponibilità per l’industria aeronautica. Questa ricerca è essenziale per supportare il nostro impegno a comprendere e consentire l’uso di 100% SAF come soluzione a basse emissioni “.

Jonathan Wood, Vice President Europe di Neste, Renewable Aviation, ha aggiunto: “Siamo lieti di contribuire a questo progetto per misurare gli ampi vantaggi di SAF rispetto ai combustibili fossili per aviogetti e fornire i dati per supportare l’uso di SAF a concentrazioni superiori a 50 %. Analisi verificate indipendentemente hanno dimostrato che il 100% Neste MY Sustainable Aviation Fuel offre una riduzione fino all’80% delle emissioni di gas a effetto serra rispetto all’uso di combustibili fossili per aviogetti quando si tiene conto di tutte le emissioni del ciclo di vita; questo studio chiarirà i vantaggi aggiuntivi derivanti dall’uso di SAF “.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi