Air France-KLM

Air France – KLM FY2020

La crisi del Covid-19 ha avuto un grave impatto sui risultati dell’intero anno 2020 del gruppo Air France KLM, un fatturato di 11,1 miliardi di euro, in calo del 59% rispetto allo scorso anno.

Perdita EBITDA a -1,7 miliardi di euro, contenuta per il controllo dei costi, tra cui un calo del 35% del costo del personale nel 2020.

Risultato operativo a –4,5 miliardi di euro, in calo di 5,7 miliardi di euro rispetto allo scorso anno ed un utile netto a -7,1 miliardi di euro, comprensivo di accantonamenti per ristrutturazione a -822 milioni di euro, overhedging a -595 milioni di euro e svalutazione della flotta a -672 milioni di euro.

Sale l’indebitamento finanziario netto a 11,0 miliardi di euro, in crescita di 4,9 miliardi rispetto a fine 2019.

Liquidità al 31 dicembre 2020 di 9,8 miliardi di euro.

Outlook

Dopo un traffico natalizio positivo nella Francia nazionale e nei Caraibi e nell’Oceano Indiano, le restrizioni ai viaggi sono state rafforzate in Francia, Paesi Bassi e nel mondo, con un effetto negativo sul traffico del Gruppo nel primo trimestre 2021.

A causa del blocco e delle restrizioni di viaggio ancora in vigore, il Gruppo prevede una sfida, nel primo trimestre 2021, con un EBITDA inferiore rispetto al quarto trimestre 2020.

La visibilità sulla curva di ripresa della domanda è limitata poiché il comportamento di prenotazione dei clienti è molto più orientato al breve termine e anche fortemente dipendente dalle restrizioni di viaggio imposte.

Il Gruppo aumenterà progressivamente la capacità verso l’estate 2021 e prevede una ripresa nel secondo e terzo trimestre 2021 grazie alla diffusione del vaccino.

Il CEO del Gruppo, Benjamin Smith, ha dichiarato: “Il 2020 ha messo alla prova il gruppo Air France-KLM con la crisi più grave mai vissuta dall’aria
industria dei trasporti. Vorrei ringraziare i nostri dipendenti per la loro dedizione e la straordinaria flessibilità durante questo periodo, che ci ha permesso di rimanere resilienti nonostante un calo del traffico senza precedenti. Fin dall’inizio della crisi, abbiamo fissato i più alti standard di salute e sicurezza per i nostri clienti e i nostri dipendenti, il tutto pur essendo in grado di cogliere le opportunità di Cargo e continuamente
adattare i nostri orari dei voli a fronte di restrizioni di viaggio in continua evoluzione. Grazie al sostegno statale francese e olandese e a questo modo agile di lavorare, siamo stati in grado di farlo ridurre drasticamente i nostri costi, proteggere il nostro denaro e continuare l’esecuzione di importanti trasformazioni piani all’interno delle nostre compagnie aeree, coinvolgendo gli sforzi di tutti i dipendenti. Nei prossimi mesi continueremo per rafforzare il nucleo del Gruppo, migliorando le sue prestazioni economiche e ambientali, in modo che Air France-KLM sarà in grado di sfruttare appieno tutte le opportunità quando il settore inizierà a riprendersi.
Iniziamo il 2021 in attesa che quest’anno vedrà una ripresa del traffico non appena ci saranno le vaccinazioni dispiegato su larga scala e le frontiere riaprono ancora una volta. I nostri clienti non vedono l’ora di poterlo fare
viaggiare di nuovo e il loro attaccamento ad Air France, KLM e Transavia si è rafforzato durante questo periodo crisi.

q4_2020_press_release_en_final_0

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi