I dirigenti di Alaska Airlines e Boeing firmano l'accordo. (Da sinistra a destra: Stan Deal, Boeing Commercial Airplanes Alaska Airlines

Alaska Airlines, nuovo ordine per 23 Boing B737 MAX

Tempo di lettura 2 minuti

Alaska Airlines riceverà in totale 68 Boeing 737-9 MAX con opzioni per ulteriori 52 aerei.

Accelera l’uscita dalla flotta degli Airbus A319 e A320.

Alaska airlines dovrebbe ricevere 13 aerei nel 2021; 30 nel 2022; 13 nel 2023; e 12 nel 2024.

Il nuovo ordine si aggiunge al contratto di leasing per 13 Boeing 737-9 MAX

Un nuovo contratto per Boeing che da respiro al produttore americano, dopo che anche Ryanair ha firmato un nuovo ordine per 75 B737 MAX e le autorità di tuto il mondo dopo la FAA che lo ha già fatto, insieme a Brasile e Canada, a breve quella europea, stanno rilasciando l’ok per la sicurezza e il suo ritorno in volo.

Siamo estremamente orgogliosi di annunciare questo accordo trasformativo con Boeing”, ha affermato Brad Tilden, CEO di Alaska Air Group. “Crediamo in questo aereo, crediamo nella nostra forte partnership con Boeing, e crediamo nel futuro di Alaska Airlines e nelle incredibili opportunità che ci attendono mentre usciremo da questa pandemia. Non potremmo chiedere un partner migliore di Boeing e siamo lieti di stare fianco a fianco con loro mentre lavoriamo insieme per rimettere in piedi la nostra economia “.

“Alaska Airlines ha svolto un lavoro straordinario nel resistere agli impatti della pandemia Covid-19 ed è ben posizionata per tornare alla sua traiettoria di crescita e rafforzare la sua posizione come una delle principali compagnie aeree statunitensi. Con la reputazione di leader del settore dell’Alaska per la sicurezza e la sostenibilità e il servizio clienti, siamo onorati che la compagnia aerea abbia scelto di investire nel suo futuro con un acquisto significativo di ulteriori Boeing 737 “, ha affermato Stan Deal, presidente e CEO di Boeing Commercial Airplanes. “Siamo grati per la fiducia e la partnership dell’Alaska. Il nostro team è concentrato sulla fornitura dei primi jet 737 MAX e sul contribuire a garantire un ingresso in servizio sicuro e senza interruzioni”.

Dopo un lavoro significativo per gestire i costi e la liquidità durante la pandemia, supportare dipendenti e posti di lavoro e garantire la sicurezza sia dei dipendenti che dei passeggeri, la priorità di Alaska Airlines è stabilire una forte ripresa e crescita nel decennio a venire.

Questo nuovo contratto con Boeing, sicuramente a condizioni economiche favorevoli, consente alla società di uscire da 61 costosi contratti di locazione a breve termine per la flotta di Airbus ereditati dall’acquisizione di Virgin America.

Inoltre, rispetto all’Airbus A320, il 737-9 ha più posti a sedere, migliore efficienza nei consumi, minori emissioni e minori costi di manutenzione.

L’accordo include meccanismi per adeguare i tempi delle consegne per soddisfare le condizioni economiche, dando alla compagnia aerea una flessibilità sostanziale per gestire la sua flotta al passo con la domanda della rete. Le 52 opzioni di aeromobili dell’Alaska sono per le consegne tra il 2023 e il 2026.

Rimarranno solo 10 Airbus A321neo entro l’estate del 2023.

Un nuovo 737-9 MAX dell’Alaska Airlines in attesa di consegna alla compagnia aerea al Boeing Field di Seattle.

L’Alaska prevede di operare i primi voli commerciali con il suo primo 737-9 nel marzo 2021, con cinque ulteriori aeromobili che dovrebbero iniziare a volare entro l’estate 2021.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi