easyJet

easyJet ricerca un ER and Change Specialist

Tempo di lettura 3 minuti

Sono passati 25 anni da quando easyJet fece la sua prima apparizione pubblica ed oggi inizia un nuovo capitolo per il vettore inglese ed europeo.

E’ ormai chiaro anche al management che e’ necessario avviare subito un processo che darà ad easyJet la forza di sopravvivere e la resilienza necessaria per continuare a competere con il mercato che nel frattempo e’ cambiato, easyJet non abbastanza.

Il primo grande passo in avanti, la prima vera riorganizzazione che la portò a diventare una compagnia digital ovvero una easyJet 2.0 circa 10 anni fa, con Carolin McCall.

Oggi e’ Johan Lundgren, attuale CEO che avrà la responsabilità e l’onere di guidare questo nuovo processo, in parte già avviato, ma in gran parte ancora da completare.

La conferma e’ la ricerca di easyJet di una nuova figura che entrerà nell’organico e affiancherà il board in questo delicato ma necessario processo, che non sarà, e’ bene precisarlo, necessariamente “lacrime e sangue” se i dipendenti, i sindacati e easyJet sapranno mantenere sempre e comunque un dialogo costruttivo per il bene della compagnia.

La figura di ER and Change Specialist e’ una nuova figura aziendale nata dalla necessità di un azienda di trasformarsi per adattarsi alla nuova realtà e diventa di vitale importanza.

Se molte aziende hanno deciso di appoggiarsi a partner esterni, easyJet sta ricercando una figura interna con adeguate competenze, capace di governare il cambiamento.

Sarà necessario efficientare diversi aspetti organizzativi, funzionali ed anche il personale e quindi la figura di ER and Change Specialist, dovrà essere capace di imprenditorialità, intesa come capacità decisionale, e flessibilità mentale, per individuare nuove opportunità, supportare da un lato il management nelle scelte strategiche e quindi il piano di ristrutturazione, dall’altro il personale nella formazione continua e nella valorizzazione del capitale umano.

Deve essere in grado non solo di trasmettere e far comprendere efficacemente al management e a tutto ul personale, gli effetti e i vantaggi del cambiamento relativo al nuovo modo di lavorare e ai ruoli, ma anche di comunicare in modo chiaro e trasparente gli obiettivi e le nuove strategie aziendali.

Obbiettivi e nuove strategie aziendali

Obbiettivi e strategie due termini che combinati nel modo migliore, portano al successo e al raggiungimento di un risultato, che non potrà che essere per qualsiasi azienda, migliorare se stessa, superare le debolezze, tornare ad essere forte, anche più di prima, senza mai dimenticare la comunicazione, essenziale in ogni processo.

Nell’inserzione si legge:

Abbiamo interrotto il modo in cui le persone viaggiano da quando abbiamo iniziato 25 anni fa e, negli ultimi tempi, abbiamo affrontato il più grande sconvolgimento della nostra storia, ma siamo tornati a volare e vogliamo che tu venga e ti unisca a noi. Trasportiamo più di 96 milioni di passeggeri all’anno, oltre 1000 rotte in 36 paesi. Siamo leader del settore nelle innovazioni di dati, digitali, web, ingegneria e operative, per rendere i viaggi più facili e convenienti per i nostri passeggeri. Prendiamo sul serio la sostenibilità e siamo la prima grande compagnia aerea ad operare voli a zero emissioni di carbonio su tutta la nostra rete.

Mentre l’Europa esce dalla crisi del Covid-19, easyJet è ben posizionata per rafforzare la sua posizione di leader come marchio di fiducia che offre un buon rapporto qualità-prezzo con una rete leader del settore di aeroporti primari. Questa crisi ci ha insegnato di più sulla flessibilità, l’equilibrio e il benessere, che si tratti di lavorare a distanza, part time o di aver bisogno di ulteriore supporto quando i tempi sono duri, perché è chiaro che le nostre persone e la nostra passione ci distinguono. Quando voli con noi, vedrai che abbiamo un sacco di passione per i viaggi e per portarti a destinazione con la migliore esperienza possibile. Lavorare nei nostri ruoli non di volo non è diverso e la nostra cultura – nota come il nostro spirito arancione – è una cosa reale – e sono le persone che amano lavorare con persone dinamiche, veloci e energiche. Devi avere resilienza per lavorare qui (come hanno dimostrato gli eventi recenti) ma l’esperienza che acquisisci è come nessun’altra.”

Per la prima volta leggo la parola “resilienza” e chiaramente easyJet ha capito che dovrà lavorare molto in termini di flessibilità, senza dimenticare mai il valore umano e ciò che la sempre resa diversa e speciale da tutte le altre…

… L’orange spirit

Non solo un colore, il Pantone 021c – o come è ormai noto, easy orange, ma una filosofia del tutto particolare, che solo i veri orange conoscono e sono capaci di trasmettere, ai colleghi ed ai passeggeri.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi