easyJet

easyJet, £ 600m dal Covid Corporate Financing Facility (CCFF)

Tempo di lettura 4 minuti

Oggi easyJet ha annunciato di aver ottenuto dal Covid Corporate Financing Facility (CCFF) un prestito per 600 milioni di sterline in commercial paper*.

easyJet ha anche emesso oggi una richiesta per poter utilizzare 500 milioni di dollari del credito rotativo a garanzia gli assett degli aeromobili di proprietà.

Di conseguenza, entro il 9 aprile si prevede che easyJet abbia accesso alle riserve di cassa per circa 2,3 miliardi di sterline. 

Nella nota di easyJet si ricorda che vista la possibilità di una messa a terra prolungata, easyJet continuerà a considerare ulteriori opzioni di liquidità e finanziamento.

A seguito del recente aggiornamento della FCA sulle linee guida per la rendicontazione, easyJet rilascerà un aggiornamento commerciale nella seconda metà di aprile e un annuncio sui risultati semestrali il 30 giugno 2020.

Johan Lundgren, CEO di easyJet, ha dichiarato:

La nostra attuale priorità è quella di salvaguardare la liquidità a breve termine, quindi abbiamo preso in prestito dalla CCFF e attinto al nostro Revolving Credit Facility al fine di aumentare la nostra liquidità in caso di prolungata messa a terra della flotta. 

“Il CCFF offre alle imprese l’accesso ai fondi ai tassi commerciali disponibili prima della crisi del coronavirus , tutte le società in UK che hanno ottenuto un rating investment grade prima della crisi possono richiedere questo finanziamento “.

Lundgren annuncia anche di aver raggiunto un accordo con i sindacati inglesi per i piloti ed assistenti di volo delle basi in UK:

Rimaniamo assolutamente concentrati sull’assicurare il futuro a lungo termine della compagnia aerea, riducendo i nostri costi e preservando i posti di lavoro, per assicurarci che easyJet sia nella posizione migliore per riprendere a volare al termine della pandemia. Siamo lieti di aver raggiunto un accordo con Unite e BALPA per gli equipaggi delle basi in UK”.

Ottima notizia per gli equipaggi delle basi inglesi che solo qualche giorno fa si erano scontrati apertamente con la proposta del nuovo contratto di Peter Bellow.

Il Covid Corporate Financing Facility (CCFF)

Il Covid Corporate Financing Facility (CCFF) è una struttura di prestito congiunta di HM Treasury e Bank of England (BoE), progettata per supportare la liquidità tra le più grandi società britanniche investment grade, aiutandole a colmare interruzione del coronavirus ai flussi di cassa attraverso l’acquisto di debito a breve termine sotto forma di commercial
paper
*.

Con questo strumento la Banca d’Inghilterra acquisterà commercial
paper
(debito inferiore a 1 anno). Essenzialmente significa che le grandi società del Regno Unito possono prendere in prestito denaro direttamente a HM Treasury.

Chi può accedere?

Le società – e le loro filiali finanziarie – che offrono un contributo sostanziale all’economia del Regno Unito sono in grado di partecipare alla struttura. Le aziende devono farlo tramite una banca – ci sono maggiori dettagli al riguardo nelle seguenti domande.

Continua a pagina 2


* commercial paper è uno strumento negoziato sui mercato internazionali funzionalmente equivalente alla cambiale finanziaria che circola sul mercato italiano. Questi strumenti vengono in genere utilizzati dalle società ad elevato standing che riescono così a raccogliere fondi per finanziare il fabbisogno di capitale circolante, a breve termine, ad un tasso di interesse inferiore rispetto al credito bancario. Per saperne di più

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi