easyJet

Peter …

Tempo di lettura 4 minuti

easyJet ha diffuso una nota di scuse, dopo alcuni messaggi video del suo Chief Operating Officer, Peter Bellew

Durante la scorsa settimana in particolare, numerose le proteste dei dipendenti inglesi, in seguito alla sua proposta di modifica del contratto, modifiche così “radicali”, che non si capisce come si possa utilizzando quel tono e in una situazione di emergenza come questa che stiamo vivendo, esporre la compagnia in una situazione ancora più delicata.

easyJet scusandosi, ha dichiarato al The Sun:

[ IT ] “Questo video interno è stato pubblicato il 27 febbraio. Tuttavia, il linguaggio utilizzato per descrivere la pandemia era insensibile e inappropriato e ci scusiamo per il disturbo causato da questo”.

[ EN ] “This internal video was posted on 27 February. Nevertheless the language used to describe the pandemic was insensitive and inappropriate and we are sorry for any upset caused by this.”

A quale video si riferisce ? Ad un video come direbbe Barbara D’Urso in Italia, “Shock” in cui Bellow dice:

Nonostante tutto il ridicolo clamore che si sta verificando sul virus, abbiamo avuto la prima ondata operativa e una grande collaborazione da parte dell’equipaggio.” [Cit. Peter Bellow video]

Ridicolo clamore … [ io ho fatto di tutto per autoconvicermi di aver capito male! ]

Poi il video diventato virale in cui ha “plagiato” [Cit. The Sun] il discorso del premier irlandese Taoiseach Leo Varadkar alla nazione il giorno di San Patrizio.

Nel video Bellew usa esattamente le stesse parole delle frasi che Varadkar aveva detto solo pochi giorni prima, Bellew lo ha ammesso e si è scusato.

Orange Spirit

Solo chi lavora in easyJet o chi la conosce bene come me, può comprendere gli equilibri e le potenzialità di un vettore, che ha una peculiarità che nessun altro ha, sicuramente uno dei suoi grandissimi punti di forza, l’orange spirit.

Chi non possiede l’ #orangespirit, difficilmente riuscirà ad interagire con il personale e contribuire alla crescita e al successo di un vettore, che proprio quest’anno doveva festeggiare il suo 25 esimo anno, doveva… perchè per ora non sarà possibile, visto che il 2020 verrà inserito nei libri di storia, come la più grande pandemia dell’epoca moderna.

easy

Ma spero veramente che tutto questo finisca in breve tempo e di poter festeggiare con voi la fine di una pandemia ed i 25 anni di easyJet, una grande festa, per urlare al mondo è andato tutto bene! Continueremo a farvi volare e sognare! , buon compleanno easy … Stelios… prepara la carta di credito, paghi te 😉

Peter… easyJet è una compagnia aerea, che ha raggiunto la vetta del mercato aereo europeo, con il contributo di tutti, con la passione e la dedizione di tutto il personale, partendo da un idea geniale di Stelios Haji-Ioannou, con quel nome scarabocchiato in un tovagliolino di carta, in un bar, #easy.

Peter, in una tua precedente comunicazione ai dipendenti avevi anche detto: “Unendomi a questo business, sapevo tutto dello spirito arancione e della sua forza.

Peter, scusami se te lo dico, ma stai dimostrando che non conosci abbastanza bene l’orange spirit, easyJet non è Ryanair, rapportarsi con gli orange è diverso, se saprai farlo ti verranno incontro, saranno disponibili anche a sacrificare parte dei benefit e del loro stipendio, ma così stai solo alzando un muro.

Peter, solo se riuscirai ad entrare nel “mood” arancio, riuscirai a svolgere il tuo lavoro al meglio, sfruttando le tue importanti, riconosciute e consolidate doti manageriali, ma ricordati non sei più in Ryanair, senza nulla togliere alla creatura di Michael, ma è un altra cosa, e non puoi dire di no.

Ti cito una grande manager, che ha contribuito a rendere easyJet ciò che è oggi:

Come leader, è molto importante ascoltare. Ho imparato di più dagli equipaggi di easyJet, dai piloti [..] di quanto avrei potuto imparare da qualsiasi libro di testo. Ti diranno cosa sta andando bene e cosa sta andando veramente male. Dovevo solo sedermi con l’equipaggio nella Galley e loro mi dicevano cosa c’era che non andava e tornavo indietro sapendo cosa dovevo sistemare. Ascoltare i clienti e il tuo stesso personale è molto importante. Carolyn McCall ex CEO easyJet

La comunicazione. te lo sai bene, è fondamentale, il tono, le parole, gli argomenti trattati, il contesto ed i destinatari contano, gli orange sanno ascoltare, ma anche proporre, il dialogo con loro è fondamentale, potresti essere uno di loro.

Peter, parliamoci chiaro, un nuovo roaster, niente pasti per le crew e importare il modello Ryaniar, eviterebbe davvero il licenziamento di centinaia di dipendenti ?

Lo sai meglio di me, che con il contratto che hai proposto, avrai bisogno di meno personale, perchè quello che avrai lavorerà di più e qualsiasi sia il contratto, se questa epidemia continuerà ancora a lungo, purtroppo e a malincuore, i licenziamenti ci saranno ugualmente, certo però non potendo prevedere come si evolverà, l’unico modo per evitarli non è un nuovo contratto, ma che le attività riprendano almeno come prima… quanto prima, salvaguardando il più possibile la liquidità.

Hai bisogno di liquidità… utilizza i nuovi ammortizzatori di Boris e riduci lo stipendio a tutti, continua ad utilizzare quelli già presenti nei diversi paesi europei, lo so in UK è un problema, che deve essere affrontato in ambito governativo, questi sono solo due esempi, ma non è certamente questo il momento di proporre ai sindacati e al tuo personale un nuovo contratto, quel contratto in particolare.

Ma faccio anche un invito a tutti gli amici di easyJet, anche se so bene che non è necessario, un piccolo sacrificio da parte di tutti ora è indispensabile, salvaguardare la liquidità, significa salvare easyJet, sono sicuro che lo farete e volentieri.

Peter, dobbiamo collaborare tutti, ascolta la tua squadra, accetteranno le tue scuse se ti porrai diversamente e riuscirai a comprendere davvero l’#orangespirit, altrimenti, scusami se te lo dico, ma è probabile che questo non sia il vettore giusto per te, dimostraci che non è così.

Te lo dico con un cuore arancio 🧡 che batte forte dentro di me, hai la gran fortuna di lavorare con una squadra forte, con delle persone meravigliose, lavori in easyJet Peter 🙂 .

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi