Airbus

La diagnostica pre e in volo

  • 4 anni fa
  • 2minuti

Alcuni giorni fa, durante una revisione del software del Boeing B737Max è stata riscontrata un anomalia nel sistema di diagnostica.

Un sistema simile è istallato anche nei modelli di Airbus ed è chiamato ECAM (Electronic Centralized Aircraft Monitoring).

Il sistema, costituito dai due display al centro del cockpit, fa una serie di Self Tests, all’accensione, della durata massima di 70 secondi nei quali procede, in maniera del tutto autonoma ed automatica, al controllo e alla diagnostica di tutti i sistemi di bordo (computer, sensori ecc…).

Se c’è qualcosa che non va, sia al momento dell’accensione che durante tutto il volo, l’ECAM è il sistema di bordo che avvisa i piloti di ciò che non funziona, monitora tutti i parametri di volo, controlla tutti i vari impianti e ti avvisa prontamente su qualsiasi “failure”.

Ho contattato direttamente un pilota certificato Airbus A320 che mi ha effettivamente confermato, l’importanza del sistema ECAM e dei sistemi ad esso collegati (es: FWC, Flight Warning Computer responsabile per gli avvisi visivi e sonori in caso di qualsiasi avaria) e quindi di ogni altro sistema di diagnostica di altri aerei.

Se tale sistema non funziona, l’aeromobile non è assolutamente autorizzato a decollare, in quanto non è possibile verificare il funzionamento di tutti gli apparati.

Quindi il sistema di Boeing sul Max che risulta difettoso, anche se a detta di alcuni esperti è un problema facilmente risolvibile, al momento è un ulteriore motivo per il quale il Max non può volare.

Rispondi

Accor e LVMH hanno stretto una partnership strategica per accelerare lo sviluppo di Orient Express, per l’apertura di nuovi hotel. I primi due a Roma e Venezia.

X