Air Corsica

Air Corsica non nega un piano per il mercato…

Tempo di lettura 2 minuti

Air Corsica sta valutando nuove rotte tra Italia e Corsica utilizzando ATR 72.

Luc Bereni, presidente del vettore francese in un intervista considera il mercato italiano, una “sfida Interessante”.

In un ottica di espandere la sua presenza internazionale, Air Corsica sta valutando il potenziale della direttrice dall’isola del Mediterraneo, verso diverse destinazioni in Italia usando i suoi aerei ATR 72.

Molte compagnie aeree hanno tentato di operare rotte, tra cui Air Corsica, ma nessuna di queste ha avuto successo“, ha affermato Bereni. “Ciò significa che non esiste un servizio aereo affidabile ed efficiente tra la Corsica e l’Italia. Non pretendiamo di avere la soluzione, ma sicuramente esistono opportunità. Stiamo collaborando con diversi aeroporti in Italia e Sardegna, nonché con organizzazioni turistiche e camere di commercio, per esplorare come possiamo stabilire un servizio stabile dalla Corsica.

Sono 7 gli ATR della flotta: un ATR 42-500 e sei ATR 72-500,

Il vettore opera da tutti e quattro gli aeroporti della Corsica: Ajaccio, Bastia, Calvi e Figari.

Bereni come anticipato ammette che sarà una sfida selezionare la rotta giusta tra la Corsica e l’Italia e nell’intervista a Routes ha dichiarato: “È difficile perché la geografia in Corsica non è facile. Sebbene l’isola sia relativamente piccola, la sua natura montuosa significa che abbiamo bisogno di quattro aeroporti per servire ogni comunità. Quindi devi tener conto dell’enorme diversità geografica dell’Italia, il che significa che nessuna rotta Corsica-Italia risponderà al 100% del bisogno. Ma qualunque sia la strada che scegliamo, deve essere sostenibile sin dall’inizio. Ciò significa che non possiamo eseguire un’operazione una o due volte alla settimana su una singola rotta. Se vogliamo davvero stimolare il mercato tra la Corsica e l’Italia e convincere i passeggeri a utilizzare gli aerei anziché i traghetti, dobbiamo fornire vere opzioni. Ciò comporta diversi percorsi e frequenze multiple. È un grosso rischio e quindi dobbiamo trovare partner disposti a condividere tale rischio “.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi