Ethiopian

Ethiopian accusata da un ex dipendente

Ethiopian Airlines è stata accusata di aver potenzialmente manomesso i registri di manutenzione del Boeing 737MAX precipitato a marzo.

Lo si legge in un intervista rilasciata alla Associated Press da un ex ingegnere di Ethiopian Airlines, che si è dimessosi e che attualmente sta richiedendo asilo in USA.

Yeshanew, ex ingegnere di Ethiopian Airlines ha accusato il vettore di accedere e di poter potenzialmente potuto manomettere i registri di manutenzione del 737 MAX.

Ethiopian Airlines sta perseguendo la visione di espansione, crescita e redditività compromettendo la sicurezza“, ha affermato Yeshanew nel suo rapporto.

Come si legge nell’intervista, Il rapporto è stato condiviso con la stampa dopo averlo inviato alla FAA e ad altre agenzie internazionali di sicurezza aerea.

Altri tre ex impiegati si sono fatti avanti a sostegno delle affermazioni di Yeshanew.

Yeshanew afferma che il 737 MAX che si è schiantato era già stato segnalato per avere alcuni problemi prima dell’incidente e sebbene non possa affermare in modo definitivo che i registri siano stati modificati, riferisce poi che l’iscrizione finale nel libretto di manutenzione dell’aeromobile è stata timbrata il giorno dopo l’incidente, l’11 marzo.

Sebbene non suggerisca specificamente che i documenti siano stati manomessi, esorta i regolatori a guardare oltre il MCAS e ai fattori umani che potrebbero anche essere stati coinvolti nell’incidente.

Manutenzione

Secondo Yeshanew il team di manutenzione è oberato di lavoro e che i piloti volano con un addestramento troppo scarso e con pause di riposo insufficienti.

I meccanici, sotto pressione per far autorizzare gli aeromobili a decollare, troppo spesso prendono scorciatoie per rispettare scadenze sempre più strette.

A supporto delle dichiarazioni di Yeshanew, alcune indagini della FAA durate tre anni hanno evidenziato una serie di altri problemi, gli ispettori hanno scoperto che quasi tutti gli 82 meccanici che lavoravano per la compagnia aerea mancavano delle qualifiche minime per svolgere il loro lavoro.

Ethiopian Airlines

Ethiopian Airlines risponde duramente alle accuse lanciate da Yeshanew, etichettandole come semplice vendetta da parte di un dipendente scontento, lo riferisce il Daily mail dopo aver letto una mail inviata dal vettore.

“È un ex dipendente scontento che ha inventato una falsa storia su Ethiopian Airlines, in parte per vendicarsi della sua demenza mentre lavorava in Etiopia e in parte per sviluppare probabilmente un caso per garantire asilo negli Stati Uniti.

Vorremmo confermare ancora una volta che tutte le sue accuse sono false e prive di fondamento. “

Ethiopian quindi nega e afferma che non appena si è verificato l’incidente, tutti i documenti sono stati sigillati, archiviati in un luogo sicuro e consegnati all’Ufficio di indagine sugli incidenti aerei etiope.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi