Brussels Airlines

Brussels Airlines, riduzione dei costi

Tempo di lettura 3 minuti

Brussels Airlines vuole ridurre i costi fino al 12%, questo l’obbiettivo del vettore del gruppo Lufthansa.

Brussels Airlines ha fissato l’obiettivo di ridurre i costi dall’8 al 12 percento entro il 2022, per poter investire nelle operazione di sviluppo del proprio business.

L’Echo e De Tijd, hanno pubblicato un memo che doveva rimanere riservato di Brussels Airlines.

Il documento afferma che in media la compagnia aerea guadagna per ogni volo solo da un biglietto, per semplificare facciamo un esempio di un volo con 157 posti che in media 27 rimangono invenduti, con la vendita di 126 biglietti copre le spese con il 127 esimo inizia a guadagnare.

Un dato preoccupante, che mette Brussels Airlines in una posizione critica e non commercialmente sostenibile per poter investire in sviluppo e crescita del network.

Investimenti necessari

Il promemoria trapelato e arrivato alla stampa, contiene una dichiarazione di Christina Foester, CEO di Brussels Airlines. Foester ha infatti dichiarato che i risparmi dei costi serviranno per investire in progetti di crescita e quindi di espansione.

“Abbiamo bisogno di un margine dell’8% per autofinanziare i nostri investimenti attuali e previsti nel rinnovo della flotta, nell’espansione della rete e nello sviluppo delle persone”

Il documento non fornisce informazioni su particolari misure di riduzione dei costi come esuberi o ristrutturazioni. Tuttavia, suggerisce che la percentuale di riduzione dei costi potrebbe essere ancora più elevata, a seconda dei prezzi del carburante e dell’inflazione.

Il portavoce di Brussels Airlines, Kim Daenen, ha confermato ad AIN che il documento è autentico. Ha anche condiviso che i margini di profitto devono migliorare per garantire il futuro dell’azienda.

Daenen afferma che questo piano fa parte di un progetto più ampio di revisione dell’organizzazione del vettore, in seguito alla decisione del gruppo L’ufthansa di abbandonare il progetto iniziale di integrazione con Eurowings.

Simple Flying ha contattato Daenen, che ha riassunto i piani del gruppo.

“Il 24 giugno, Lufthansa e Brussels Airlines hanno annunciato che Brussels Airlines non sarebbe più stata integrata in Eurowings, ma che si sarebbe avvicinata alle compagnie aeree della rete LHG.

Lo stesso giorno abbiamo anche annunciato che Brussels Airlines avrebbe lavorato su un piano di inversione di tendenza nel Q32019 per riallineare la compagnia e portarla a un livello superiore, poiché la redditività non è abbastanza buona.

Questo è ciò su cui stiamo attualmente lavorando. Comunicheremo verso la fine dell’anno sui nostri piani concreti, finora non sono state prese decisioni. “

Il progetto iniziale dello scorso anno di Lufthansa prevedeva di trasformare Brussels Airlines nel vettore a lungo raggio della compagnia aerea tedesca. La capitale belga sarebbe stata il fulcro di questo progetto, al servizio della strategia di crescita europea di Lufthansa. L’aeroporto di Bruxelles sarebbe stato la base per l’espansione di Lufthansa nelle regioni di lingua olandese e francese.

Il Consiglio di amministrazione di Deutsche Lufthansa AG ha condiviso il piano di inversione di tendenza con investitori e analisti durante la Giornata dei mercati dei capitali, affermando nel suo comunicato stampa:

“Le azioni pianificate dovrebbero migliorare in modo sostenibile la creazione di valore del Gruppo Lufthansa. Un elemento chiave è una serie completa di misure per invertire Eurowings, che dovrebbero essere restituite agli utili il più rapidamente possibile e generare valore sostenibile per gli azionisti. “

Il gruppo L’ufthansa parallelamente, continua a portare avanti il suo impegno per la riduzione delle emissioni di CO2, l’utilizzo di carburanti sintetici e anche se non legato a questo specifico progetto, nuovi aeromobili, moderni ed in grado di risparmiare fino al 30% del carburante.

Lufthansa Innovation Hub  ha lanciato la scorsa settimana, la piattaforma di sostenibilità “Compensaid” e si concentra sui carburanti per aviazione a emissioni zero di CO2.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi