Aeroporti di Milano SEA

Linate, il 27 luglio si avvicina, Malpensa quasi pronta

Si avvicina il 27 luglio e sono già iniziati i lavori in preparazione alla chiusura dell’aeroporto di Linate, per il rifacimento della pista e il nuovo corpo F.

Si sta lavorando anche a Malpensa, per adeguare lo scalo ad un aumento dei passeggeri fino a 800 mila a settimana, con un incremento di circa il 40% rispetto a quelli attuali.

Come si legge nell’articolo di Leonard sul Corriere della Sera, il T2 non verrà quasi toccato, mentre sarà il T1 a subire importanti lavori, con con 26 nuovi banchi per il check-in,  8 nuovi varchi di sicurezza (che diventeranno così 25) e almeno una decina di e-gate per il controllo dei passaporti.

L’area Schengen sta subendo alcuni lavori di riqualificazione, così come l’area smistamento bagagli.

Per consentire la chiusura del Forlanini per tre mesi, saranno trasferite oltre 700 persone tra coordinatori di scalo, security, autisti specializzati, addetti alla gestione dei bagagli, dei vettori, dei negozi e degli enti di Stato.

Circa 300 i mezzi e attrezzature spostate da Linate a Malpensa che poi dovranno tornare a Linate a fine ottobre, quando il city airport di Milano, ritornerà operativo.

Intanto SEA rende noti i dati di traffico nei primi cinque mesi del 2019, dove Malpensa si avvicina ai 10 milioni di passeggeri (+10,2% sullo stesso periodo del 2018), mentre Linate con 3,47 milioni risente di un piccolo dal del 4,5%.

 

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi