Airbus

Airbus A380 ordini a rischio

Tempo di lettura < 1 minuto

Mentre Emirates sembra aver fatto un passo indietro negli ordini di nuovi A380 a favore dei nuovi A350, anche British Airways osserva come il prezzo dell’aeromobile sia troppo alto.

A Londra a margine di un evento di OneWorld, Willie Walsh, A.D. di IAG, ha dichiarato che il suo gruppo e non solo sarebbero disposti ad acquistare ulteriori esemplari dell’A380, se il prezzo fosse più basso di quello attuale.

La Dichiarazione di Walsh:

apiceSono stato molto chiaro con Airbus che se vogliono vendere l’aereo, dovranno essere molto aggressivi sul prezzo.

ha inoltre dichiarato:

apiceNon ho preoccupazioni per l’A380 … è stato un velivolo eccellente per noi. Abbiamo chiarito ad Airbus che potremmo considerare alcuni velivoli aggiuntivi , ma il prezzo di quel velivolo non è stato così attraente come crediamo debba essere.

Nel frattempo gli acquisti di nuovi aerei non si è mai fermato, gli ordini di Airbus e di Boing sono in crescita, ma per aerei più piccoli e meno costosi ed in particolare il nuovo A350 sta avendo una buona richiesta.

Il primo acquirente, anche in termini di esemplari acquistati ( circa 100) è Emirates che attualmente sta negoziando con Airbus un accordo per convertire una parte degli ordini per il più piccolo A350.

Segnali non certo positivi per la certezza della continuità di produzione del superJumbo, che rischia di subire uno stop prima del previsto.

Ci sono comunque delle possibilità, che devono comunque tener presente gli alti costi del progetto di circa 25 miliardi di dollari.

Sembra inoltre sempre secondo l’articolo di Reuters che Airbus stia cercando di spingere verso la vendita del nuovo A350 che produce più liquidità ed è comunque più facile da vendere dell’A380.

Al 31 dicembre 2018 questi sono i dati diffusi da Airbus:

 A380
Totale Ordini321
Consegnati234
In servizio232
Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi