Amsterdam Schiphol AMS

A Schiphol si testano le Digital Travel Credential (DTC)

  • 1 mese fa
  • 2minuti

Ormai è abitudine per molti effettuare il check-in online, ma il controllo biometrico è ancora molto poco diffuso, ad Amsterdam Schiphol, su richiesta della Commissione Europea, e insieme al governo e KLM, si sta testando la Digital Travel Credential (DTC).

La Commissione europea ha chiesto ai Paesi Bassi di condurre un progetto pilota DTC per verificare sul campo nuove procedure di imbarco e del controllo dei passaporti più agevoli ed efficienti, in modo che i viaggiatori possano imbarcarsi rapidamente. I risultati di questo progetto pilota saranno condivisi con la Commissione europea. L’UE sta lavorando alla legislazione per un passaporto digitale, con il quale potrebbe essere reso possibile l’uso futuro del DTC.

Perché il DTC?

Per Schiphol è importante ottimizzare ulteriormente i processi di frontiera e terminali per i quasi 70 milioni di viaggiatori dell’aeroporto. Vogliamo anche garantire la sicurezza in aeroporto e alle frontiere esterne e offrire ai viaggiatori l’esperienza che possono aspettarsi da un aeroporto come Schiphol. Consentendo ai viaggiatori di svolgere parte del processo di registrazione alla frontiera a casa, si risparmierà tempo in aeroporto e si ridurranno le code.

Come funziona

I viaggiatori che volano nei Paesi Bassi dal Canada con KLM e che hanno un passaporto olandese, belga o canadese possono partecipare al progetto pilota per tutto marzo se maggiorenni.

Prima del viaggio, il passeggero scarica l’app DTC e si registra utilizzando il telefono per leggere il chip sul passaporto elettronico, successivamente con un selfie, l’applicazione confronta i dati biometrici letti nel passaporto e lo confronta con la foto appena scattata.

Sempre tramite l’app i dati necessari verranno condivisi con KLM per l’imbarco sull’aereo e con il Royal Netherlands Marechaussee per il passaggio della frontiera a Schiphol. 

In questo modo il Marechaussee potrà effettuare tutti i controlli prima dell’arrivo in aeroporto. I partner

Il progetto pilota è una collaborazione tra il governo olandese, il Royal Netherlands Marechaussee, KLM, Schiphol e Idemia.