Airbus

Un nuovo passo per Bristol come HUB aeroportuale dell’idrogeno

  • 1 anno fa
  • 4minuti

Una nuova partnership di Airbus, easyJet e Hynamics di EDF contrinuirà al progetto dell’aeroporto di Bristo per utilizzare l’idrogeno nelle operazioni aeroportuali ed ospitare i futuri aerei alimentati ad idrogeno.

Questo progetto britannico diventa parte del programma ZEROe di Airbus per esplorare la tecnologia dell’idrogeno.

Il progetto riunisce una rete di esperti di idrogeno per valutare le catene di approvvigionamento di idrogeno locali e globali, prevedere il futuro traffico aereo alimentato a idrogeno ed esplorare come una fornitura di idrogeno all’aeroporto di Bristol potrebbe anche alimentare altre forme di trasporto, come camion e altri veicoli pesanti.

Riunendo l’aeroporto, la compagnia aerea easyJet, il produttore Airbus e il generatore di idrogeno Hynamics, il progetto crea una partnership unica per valutare come la tecnologia dell’idrogeno possa essere utilizzata al meglio in condizioni “reali”. Il progetto è uno dei tanti portati avanti come parte di Hydrogen South West, un consorzio intersettoriale di aziende che sta lavorando per sviluppare un’economia dell’idrogeno nella nostra regione.

Il sud-ovest dell’Inghilterra ospita un importante cluster aerospaziale e aeronautico che fornisce circa 100.000 posti di lavoro. Portare avanti la tecnologia a emissioni zero per il volo ridurrebbe le emissioni globali, garantirebbe il futuro a lungo termine del settore e creerebbe migliaia di nuovi posti di lavoro verdi.

Airbus prevede di produrre il primo aereo commerciale a emissioni zero al mondo entro il 2035. Un dimostratore Airbus A380 ZEROe modificato con un motore alimentato a idrogeno dovrebbe iniziare i voli di prova nel 2026.

A Filton, Airbus sta sviluppando un Zero Emission Development Centre (ZEDC) per le tecnologie dell’idrogeno, compreso lo sviluppo di un sistema di combustibile criogenico competitivo in termini di costi.

Il mese scorso, easyJet ha annunciato un’ambiziosa tabella di marcia per raggiungere zero emissioni nette di carbonio entro il 2050, con l’idrogeno che gioca un ruolo chiave.

Con Rolls-Royce, la compagnia aerea inizierà a breve i test a terra dei motori alimentati a idrogeno.

Hynamics, una consociata di EDF, è specializzata nella produzione di idrogeno a basse emissioni di carbonio mediante elettrolisi dell’acqua in Francia, Germania e in tutto il Regno Unito. L’aeroporto di Bristol si sta rendendo disponibile come banco di prova per nuove tecnologie, come parte degli sforzi per ridurre le emissioni dei voli dopo che le sue operazioni diventeranno zero entro il 2030.

Glenn Llewellyn, VP – Zero Emission Aircraft, Airbus, ha dichiarato: Avere una serie di diversi progetti aeroportuali come questo è una preparazione vitale per l’arrivo dei nostri aeromobili a emissioni zero dal 2035. È entusiasmante per noi collaborare e imparare con partner preziosi in questo progetto come parte di un ecosistema dinamico dell’idrogeno nel Regno Unito”.

Jane Ashton, Sustainability Director di easyJet, ha dichiarato: “In easyJet, siamo impegnati a lavorare per un futuro con voli a zero emissioni di carbonio. Sappiamo che la tecnologia è un fattore chiave per raggiungere i nostri obiettivi di decarbonizzazione, con la propulsione a idrogeno che dovrebbe essere fondamentale per le compagnie aeree a corto raggio come easyJet. Questa partnership fornirà lezioni vitali su come il carburante può essere utilizzato nel mondo reale e si basa sulla nostra forte relazione con l’aeroporto di Bristol”.

Simon Earles, Director of Sustainability and Corporate Affairs, Bristol Airport, ha dichiarato: “Bristol Airport è lieta di unirsi ai ranghi di prestigiosi aeroporti di tutto il mondo nel lavorare con Airbus per offrire voli a emissioni zero. Ci impegniamo a guidare la sostenibilità e ad aprirci come banco di prova per le nuove tecnologie”.

Christelle Rouillé, CEO di Hynamics, ha dichiarato: “Siamo impegnati a rendere l’idrogeno a basse emissioni di carbonio e rinnovabile un motore di decarbonizzazione dell’intera economia, verso la mobilità e gli attori industriali. Non vediamo l’ora di lavorare con i nostri partner Hydrogen South West nella realizzazione di questo progetto e, in definitiva, nel sostenere la regione nell’aprire la strada alla tecnologia verde rispetto al Regno Unito”.