Lufthansa

Il SAF in aviazione è trainato dalle aziende

Tempo di lettura 2 minuti

A dimostrarlo sono il Gruppo Lufthansa e Air France-KLM, entrambi i gruppi stanno sviluppando programmi che coinvolgono le aziende clienti, sia per il cargo che per i passeggeri nell’utilizzo del carburante per aviazione sostenibile SAF.

Sempre più clienti aziendali del Gruppo Lufthansa sono interessati a questa forma di viaggio d’affari o trasporto merci rispettosa del clima. Dopo la compagnia assicurativa AXA Deutschland, i fornitori di servizi logistici DB Schenker e Kuehne+Nagel, Kearney è ora diventata anche la prima società di consulenza gestionale attiva a livello internazionale ad investire ampiamente in SAF.

Kearney sta ora utilizzando il “Programma Compensaid Corporate” del Gruppo Lufthansa per rendere la maggior parte dei suoi voli di lavoro a emissioni zero.

In qualità di maggiore acquirente europeo di carburante per aviazione sostenibile, consentiamo già voli a emissioni zero di CO2. Tra i nostri clienti aziendali, stiamo riscontrando un crescente interesse nell’utilizzo di questa genuina alternativa al carburante per aviazione fossile. Ogni azienda che già investe in carburante per aviazione sostenibile stimola il mercato ramp-up e fornisce quindi un contributo importante sulla strada per il trasporto aereo a emissioni zero di CO2″, afferma Christina Foerster, membro del comitato esecutivo del gruppo Lufthansa responsabile per la responsabilità del cliente, dell’IT e dell’impresa.

Il Gruppo Lufthansa continua a investire nel carburante per l’aviazione sostenibile

Il Gruppo Lufthansa si è assicurato cherosene sostenibile per un quarto di miliardo di dollari USA per poter soddisfare il prevedibile aumento della domanda nei prossimi anni. Questo è il più grande investimento di pura sostenibilità nella storia del Gruppo Lufthansa fino ad oggi

Il carburante per l’aviazione sostenibile è attualmente prodotto principalmente da residui biogeni, ad esempio da oli da cucina usati. Ciò significa che il nuovo carburante per l’aviazione può, in prospettiva, consentire un’aviazione quasi neutrale in termini di CO2. Il Gruppo Lufthansa è coinvolto da molti anni nella ricerca SAF e ha costruito una vasta rete di partnership.

L’azienda è già il più grande acquirente di SAF in Europa, un cliente pilota del primo carburante Power-to-Liquid prodotto industrialmente al mondo, e mira anche a essere tra i principali gruppi aerei mondiali nell’uso di cherosene sostenibile.

Attualmente, sul mercato globale la produzione di SAF non è sufficiente a soddisfare la domanda, sono pochi gli impianti di produzione ed è al momento è significativamente più costoso del cherosene convenzionale.

Il Gruppo Lufthansa sta quindi lavorando a vari progetti per far progredire lo sviluppo e la disponibilità di SAF, tra cui, in particolare, SAF prodotto da energia elettrica rinnovabile. Oltre all’utilizzo di velivoli più efficienti e di ultima generazione, le SAF sono la leva più efficace nel percorso verso un’industria aeronautica CO2 neutrale.

Il Gruppo Lufthansa aderisce all’iniziativa SBTi

Il Gruppo Lufthansa ha fissato obiettivi ambiziosi di protezione del clima e mira a dimezzare le emissioni nette di CO₂ entro il 2030 rispetto al 2019 e a raggiungere un bilancio di CO₂ neutrale entro il 2050.

Per specificare ulteriormente questi obiettivi netti, ha aderito alla cosiddetta Science Based Target Initiative ( SBTi) per allineare il proprio percorso di riduzione della CO2 all’Accordo sul clima di Parigi delle Nazioni Unite. Sulla base di calcoli scientifici, le emissioni di CO2 saranno ridotte continuamente con l’aiuto del rinnovamento e dell’ottimizzazione della flotta, del miglioramento dell’efficienza operativa e dell’uso di SAF. La convalida ufficiale avverrà nel 2022

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017