Ryanair

Nessun accordo per il MAX10 tra Boeing e Ryanair

Tempo di lettura < 1 minuto

Ryanair ha confermato che le trattative con Boeing per un ordine di aeromobili MAX10 (che avrebbero dovuto seguire le attuali consegne di 210 aerei B737-8200 “Gamechanger”) si sono concluse senza alcun accordo sul prezzo e si sono interrotte.

Ryanair prenderà in consegna oltre 200 B737 “Gamechanger” nei prossimi 5 anni dal 2021 al 2025, la flotta di Ryanair crescerà quindi fino a oltre 600 aeromobili, ma diversamente dalle aspettative Boeing non è stata in grado di soddisfare le richieste sul prezzo per un nuovo ordine di B737 MAX10.

Negli ultimi 10 mesi Ryanair e Boeing hanno ampiamente discusso in merito l’ordine degli aerei Boeing MAX10. Tuttavia, la scorsa settimana è diventato chiaro che il divario di prezzo tra i partner non poteva essere colmato e, di conseguenza, entrambe le parti hanno concordato di non perdere altro tempo in questi negoziati.

Michael O’Leary CEO di Ryanair Group ha dichiarato: “Siamo delusi di non essere riusciti a raggiungere un accordo con Boeing per l’ordine MAX10. Tuttavia, Boeing ha una visione più ottimistica dei prezzi degli aerei rispetto a noi e abbiamo un track record disciplinato che prevede di non pagare prezzi elevati per gli aeromobili. Abbiamo una sequenza di ordini più che sufficiente per consentirci di crescere fortemente nei prossimi 5 anni con una flotta di Boeing 737, che salirà a oltre 600 aeromobili e consentirà a Ryanair di capitalizzare le straordinarie opportunità di crescita che stanno emergendo in tutta Europa, mentre  il continente si riprende dalla pandemia di Covid. Non condividiamo le prospettive ottimistiche dei prezzi di Boeing, anche se questo potrebbe spiegare perché nelle ultime settimane altri grandi clienti Boeing come Delta e Jet2, hanno effettuato nuovi ordini con Airbus, piuttosto che con Boeing”.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017