SWISS Airbus A321neo HB-JPB Château-d'Oex SWISS

Semestrale SWISS H1 2021

Tempo di lettura 4 minuti

SWISS ha registrato una perdita operativa di 398,2 milioni di franchi per i primi sei mesi del 2021 (primo semestre 2020: 266,4 milioni di franchi).

La rigorosa gestione dei costi e della liquidità, combinata con un controllo coerente della rete e della capacità, ha contribuito a mantenere la perdita entro limiti ragionevoli e nel secondo trimestre è stato generato un flusso di cassa operativo positivo.

Il fatturato totale del primo semestre è stato di 659,3 milioni di franchi, in calo del 43,5% rispetto all’anno precedente (1° semestre 2020: 1,17 miliardi di franchi). Come l’anno scorso, il secondo trimestre ha registrato una leggera ripresa dei volumi di affari con l’avvicinarsi della stagione estiva dei viaggi.

Al fine di ripristinare la propria capacità di investimento e mantenere il proprio vantaggio competitivo, SWISS ha intrapreso una ristrutturazione e una trasformazione completa che si estendono alla riduzione sia del personale che della flotta di aeromobili.

Le continue restrizioni ai viaggi in risposta agli sviluppi della pandemia ancora instabili hanno gravemente depresso gli affari e i risultati per Swiss International Air Lines (SWISS) anche nella prima metà dell’anno in corso. Con livelli di prenotazione ancora bassi e un numero di passeggeri inferiore di circa due terzi rispetto all’equivalente dell’anno precedente, i ricavi totali per il primo semestre sono scesi del 43,5% rispetto al livello del 2020 a 659,3 milioni di franchi (primo semestre 2020: 1,17 miliardi di franchi). La domanda estremamente debole sul fronte passeggeri è stata parzialmente compensata da una domanda ancora forte del cargo.

Il risultato operativo o EBIT rettificato per il periodo è stato pari a CHF -398,2 milioni, in calo del 49,5% (primo semestre 2020: CHF -266,4 milioni). La perdita maggiore nel 2021 è attribuibile al fatto che i primi due mesi del 2020 sono stati in gran parte privi degli effetti della pandemia.

Date le condizioni commerciali e operative ancora avverse, nella prima metà di quest’anno abbiamo ottenuto buoni risultati in queste circostanze“, conclude Markus Binkert, CFO di SWISS.Grazie alla nostra rigorosa gestione dei costi e della liquidità combinata con un controllo coerente della rete e della capacità, abbiamo mantenuto la nostra perdita operativa entro limiti ragionevoli e generato un flusso di cassa operativo positivo nel secondo trimestre. Secondo le nostre attuali proiezioni, non prevediamo di dover utilizzare più della metà circa della nostra linea di credito bancaria, e attualmente siamo ben al di sotto di questa cifra”.

Leggera ripresa nel secondo trimestre.

Come l’anno scorso, SWISS ha registrato una leggera ripresa degli affari da aprile in poi con l’avvicinarsi della stagione estiva dei viaggi.

Anche i ricavi del secondo trimestre sono aumentati del 47,6% rispetto al livello del 2020 a CHF 359,7 milioni (Q2 2020: CHF 243,7 milioni).

L’EBIT rettificato del periodo è stato pari a -197,2 milioni di franchi. Questo era dell’8,2% al di sotto del livello dell’anno precedente (Q2 2020: CHF -182,3 milioni); ma i guadagni del secondo trimestre del 2021 sono stati anche depressi dai costi operativi sostenuti per l’accelerazione delle operazioni di volo e dai costi di ristrutturazione.

“La leggera ripresa degli affari che abbiamo visto nelle ultime settimane non dovrebbe nascondere il fatto che, con ulteriori sviluppi della pandemia ancora difficili da prevedere, la situazione rimane estremamente tesa“, afferma il CEO di SWISS Dieter Vranckx.Ma nonostante tutti questi imponderabili, continueremo a svolgere la nostra missione e il nostro mandato come compagnia aerea svizzera e offriremo ai nostri ospiti una gamma di servizi aerei il più ampia e affidabile possibile”.

Numero di passeggeri ancora molto basso.

Il numero di passeggeri è rimasto molto basso nel primo semestre. Nei primi sei mesi del 2021 SWISS 1) ha trasportato circa un milione di viaggiatori, il 67,5% 2) in meno rispetto al periodo dell’anno precedente, i cui primi mesi non erano stati colpiti dalla pandemia di coronavirus.

SWISS ha effettuato 13.060 voli nella prima metà del 2021, il 56% in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

La capacità a livello di sistema nel primo semestre è diminuita del 38,7% in termini di posti-chilometri disponibili (ASK), mentre il volume di traffico totale per il periodo, misurato in ricavi passeggeri-chilometri, ha registrato un calo del 71,2%.

Il fattore di carico nel primo semestre è stato del 33,4%, con un calo su base annua di 37,8 punti percentuali, sostanzialmente più elevato sui servizi europei rispetto alle rotte a lungo raggio.

Il numero di passeggeri per il secondo trimestre del 2021 è stato significativamente superiore a quello del primo trimestre. Mentre SWISS ha trasportato solo circa 63.000 passeggeri a febbraio, il mese più debole, nel mese più forte di giugno sono stati trasportati circa 362.000 viaggiatori.

Riattivata 2/3 della flotta.

Con l’aumento della domanda di viaggi aerei nell’attuale stagione turistica estiva, SWISS continua ad aumentare le sue operazioni di volo. I due terzi della flotta aerea sono tornati in uso, alla fine di giugno SWISS aveva ripristinato il 90% delle destinazioni servite in epoca pre-coronavirus, anche se con frequenze inferiori, la capacità è attualmente intorno al 50-55% del 2019.

SWISS ora prevede per il 2021 una capacità di circa il 40% rispetto al 2019. La chiave per un’ulteriore sostanziale ripresa resta la riapertura degli Stati Uniti, il mercato più importante di SWISS.

Ristrutturazione

In risposta ai cambiamenti strutturali del mercato provocati dalla pandemia di coronavirus, SWISS ha avviato un’ampia ristrutturazione e trasformazione che include riduzioni sia del numero di dipendenti che delle dimensioni della flotta di aeromobili.

Queste azioni sono concepite per ottenere risparmi sostenibili di circa 500 milioni di franchi e consentire all’azienda di ritrovare la propria capacità di investire e mantenere il proprio vantaggio competitivo.

Grazie a una procedura di consultazione costruttiva, la riduzione della forza lavoro è inferiore a quanto originariamente previsto.

Per rafforzare il suo posizionamento premium nel settore in crescita dei viaggi di piacere, SWISS offrirà una nuova Premium Economy Class a partire dal quarto trimestre del 2021.

L’azienda sta inoltre allineando ancora più fortemente il proprio modello di business ai criteri di sostenibilità.

Mira a dimezzare le sue emissioni di anidride carbonica rispetto al livello del 2019 entro il 2030 e a raggiungere l’azzeramento delle emissioni di carbonio entro il 2050.

L’azienda ha anche preso in consegna il suo 30° Airbus A220 alla fine di maggio, segnando un’ulteriore pietra miliare nella più grande flotta progetto di rinnovamento nella sua storia.

E SWISS ha inoltre istituito la prima catena logistica end-to-end per l’importazione di carburante per aviazione sostenibile (SAF) in Svizzera, in collaborazione con vari partner. È diventata così la prima compagnia aerea commerciale ad utilizzare SAF nelle sue operazioni di volo di linea dalla Svizzera.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017