SWISS

SWISS deciso il ridimensionamento

SWISS prevede un calo strutturale del 20% della domanda complessiva, la flotta verrà ridotta del 15%, inevitabile secondo Swiss il taglio di altri 1.700 posti di lavoro.

780 persone potrebbero essere licenziati senza scelta, i restanti saranno prepensionamenti o licenziamenti volontari.

SWISS ha avviato una procedura di consultazione per trovare soluzioni il più socialmente responsabili possibile, in collaborazione con i suoi dipendenti e le sue parti sociali. Nonostante le misure di ristrutturazione in atto, tutte le disposizioni della Confederazione Svizzera in relazione alle sue garanzie sui prestiti bancari continuerebbero ad essere rispettate.

SWISS continuerà inoltre a perseguire il suo posizionamento premium, manterrà le sue operazioni sia da Zurigo che da Ginevra.

Swiss ha risposto prontamente allo scoppio della pandemia e ha avviato misure globali di riduzione dei costi per contrastare la crisi e la crescente minaccia alla sua liquidità (per ulteriori dettagli si prega di consultare il comunicato stampa sui risultati del primo trimestre 2021 di SWISS del 29 aprile 2021 ).

La ristrutturazione ora sembra inevitabile

In considerazione della perdurante assenza di una ripresa del settore, una ristrutturazione di SWISS che vada oltre le misure di riduzione dei costi già avviate appare ora inevitabile come afferma il CEO di SWISS Dieter Vranckx: “è diventato sempre più chiaro che il nostro mercato sta subendo un cambiamento strutturale e che, nonostante le azioni che siamo stati pronti a prendere in risposta, una ristrutturazione della nostra azienda ora sembra purtroppo inevitabile”,

Con il nostro nuovo programma strategicoreaCH “, ci stiamo allineando alla mutata situazione del mercato“, continua Vranckx. “ReaCH include un ridimensionamento e una trasformazione aziendale che dovrebbe consentire un risparmio sui costi complessivi sostenibili di circa 500 milioni di franchi. Il nostro obiettivo è rimborsare i nostri prestiti bancari il più rapidamente possibile e mantenere in modo sostenibile le nostre credenziali competitive e riacquistare la nostra capacità di investire “.

È probabile che la flotta di aeromobili venga ridimensionata del 15%

Nel corto raggio da 69 a 59 aeromobili, mentre nel lungo raggio, da 31 a 26 aeromobili ritirando cinque dei suoi Airbus a lungo raggio.

A causa del calo della domanda, è probabile che le frequenze vengano ridotte rispetto ai livelli del 2019 sulle rotte a corto e medio e lungo raggio.

Inoltre, i servizi potrebbero non essere ancora ripristinati su alcune rotte intercontinentali dirette.

Il programma di volo di SWISS dovrebbe continuare ad essere sviluppato in proporzione al programma di volo complessivo delle compagnie aeree del Gruppo Lufthansa.

Esuberi

Entro la fine del 2021, Swiss avrà già ridotto il personale di oltre 1.000 dipendenti o equivalenti (contratti full-time) attraverso una combinazione di misure volontarie del personale e turnover.

Nell’ambito del ridimensionamento pianificato, potrebbero essere interessati fino a 780 dipendenti (650 FTE): circa 200 personale di terra, 60 presso SWISS Technics, 400 personale di cabina e 120 personale di cabina di pilotaggio. La conseguente eliminazione complessiva e’ di circa 1.700 FTE rappresenterebbe una riduzione di oltre il 20% rispetto al livello del 2019 della forza lavoro.

Sono immensamente dispiaciuto che, dopo così tanti anni di successi con un team così eccezionale, ora dobbiamo considerare un passo così doloroso“, afferma il CEO di SWISS Vranckx. “Sfortunatamente, la situazione rimane estremamente difficile e continua a richiedere una rigorosa disciplina dei costi ed efficienza. Siamo convinti, tuttavia, che con la ristrutturazione che prevediamo, usciremo da questa crisi tanto più forti e tanto più in grado di riportare SWISS a un successo sostenibile nella “New Normal”. “

Posizionamento Premium e sostenibilità

SWISS continuerà a gestire gran parte della sua rete precedente e quindi continuerà a svolgere la sua missione di soddisfare le esigenze di trasporto aereo dell’economia svizzera, il popolo svizzero e il settore turistico svizzero in linea con le nuove esigenze. “

Il ridimensionamento e la trasformazione previsti dal programma reaCH si estendono anche a un allineamento ancora più forte del modello di business SWISS sia alle considerazioni di sostenibilità che al cambiamento strutturale nel mondo del lavoro. Ciò si concentrerà in particolare sull’ulteriore ammodernamento costante della flotta aerea SWISS, utilizzando carburante sostenibile per l’aviazione (SAF) e sviluppando e perfezionando ulteriormente le soluzioni di trasporto intermodale.

Adottando nuovi modelli di lavoro e strutture aziendali agili, SWISS terrà anche debito e pieno riguardo ai cambiamenti strutturali nel mondo del lavoro; e l’azienda continuerà ulteriormente a sfruttare tutte le nuove possibilità che vengono aperte dalla digitalizzazione in continua crescita.

Saranno inoltre intensificate le collaborazioni all’interno del Gruppo Lufthansa, sfruttando ulteriori sinergie. SWISS mira inoltre a continuare a rafforzare la propria posizione all’interno del Gruppo sviluppando ulteriori centri di competenza, non da ultimo nell’area commerciale. E verrà ulteriormente perseguita la già consolidata collaborazione con la sorella portante Edelweiss.

1 pre-pandemia nel 2019: 9.500 dipendenti o 7.550 equivalenti a tempo pieno

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017