Airbus

“Virtual” Airspace Customer Definition Center

L’Airspace Customer Definition Center (CDC) ad Amburgo esiste, non è virtuale, ve ne ho parlato diverse volte, nel 2019 ho avuto il piacere di visitarlo, un esperienza davvero unica con due guide d’eccezione tra cui Alexander Jürs, Service and Communication Manager del CDC ad Amburgo, che mi hanno fatto scoprire ogni segreto dell’esperienza Airbus per i clienti.

Quel giorno erano ben tre i vettori che stavano ultimando la scelta del design e degli accessori delle cabine dei loro Airbus in produzione o in ordine, un esperienza che ora per via del covid è limitata e in grossa parte virtuale, ma il virtuale per CDC era già all’ordine del giorno in alcune fasi della progettazione dei layout di cabina.

E’ un luogo davvero unico in cui i clienti possono sperimentare e vedere come sarà la loro futura cabina, utilizzando modelli realistici delle cabine e un’ampia varietà di strumenti di realtà virtuale.

Testare il comfort della cabina, la funzionalità dell’ambiente e il design dell’illuminazione è in genere un’esperienza emozionante che offriamo ai nostri clienti nel Cabin Definition Center. A causa delle restrizioni di viaggio COVID-19, la sfida che abbiamo dovuto affrontare è stata reinventare il modo in cui interagiamo con i clienti, fornendo il massimo livello di definizione della cabina in modo completamente digitale “, spiega Alexander Jürs, Customer Service and Communication Manager presso il CDC ad Amburgo.

Un’esperienza virtuale

In stretta collaborazione con la controllata di Airbus Testia e i team IT di Airbus, il CDC è stato in grado di eseguire le definizioni dei clienti per la cabina, utilizzando una combinazione di assistenza remota virtuale, videoconferenze e 3D Digital Mock-Up (DMU) dal vivo, quando la presenza di persona non era possibile. 

Una delle caratteristiche che da sempre distingue Airbus è il largo uso della tecnologia e l’innovazione, anche in questi aspetti, la combinazioni di queste diverse soluzioni consentono a clienti, fornitori e Airbus di eseguire molti aspetti del processo di design della cabina nei tempi previsti e senza incorrere in costi aggiuntivi.

Nel 2020, circa un terzo di tutte le riunioni di definizione CDC sono state gestite virtualmente, con un tasso di soddisfazione del cliente complessivo del 96%. 

Air New Zealand è stata una delle tante compagnie aeree a beneficiare delle nuove capacità sviluppate nel CDC“A causa della pandemia e della necessità di continuare il lavoro di sviluppo da remoto sugli interni delle cabine. È bello vedere Airbus pensare in anticipo a come il CDC può soddisfare le esigenze delle compagnie aeree. La sessione di illuminazione dal vivo a distanza è stata eccellente e molto vantaggiosa per noi “, afferma Ed Collett, il nuovo Aircraft Program Manager di Air New Zealand.

“In questi tempi difficili, i nostri clienti sono sempre più consapevoli che le nostre sessioni virtuali di definizione dal vivo sono una soluzione efficiente per ricollegare tutte le parti interessate rilevanti in un unico luogo digitale, anche se non vedono l’ora di tornare fisicamente nel CDC il prima possibile “, Dice Alexander.

Il 2021 sembra confermare questa tendenza e la soluzione remota sviluppata da Airbus e Testia continua a facilitare il viaggio di definizione della cabina dei clienti.

Per saperne di più sul CDC di Airbus qui

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017