Volotea

Volotea, Air Nostrum e Dante, per un aereo elettrico

Uno dei tre progetti presentato da Volotea in risposta alla call for expression of interest (MDI) del Ministero dei Trasporti, della Mobilità e dell’Agenda Urbana (MITMA) è stato presentato in consorzio con Air Nostrum e Dante Aeronautica.

E’ il primo progetto che propone di arrivare a produrre e mettere in servizio aeromobili elettrici di 9 e 19 posti per il trasporto regionale.

L’iniziativa propone la conversione e l’elettrificazione di flotte di aeromobili di corto e medio raggio per un trasporto aereo regionale più sostenibile in Spagna, contribuendo al contempo alla coesione territoriale attraverso una migliore connettività aerea delle aree periferiche e delle isole.

Il progetto propone la riconversione e l’elettrificazione delle flotte di aeromobili in servizio per trasformarle in 100% elettrici. Comprende la progettazione, l’ingegnerizzazione e l’implementazione delle modifiche necessarie per adattare aeromobili convenzionali di piccola capacità (tra 9 e 19 passeggeri) e investimenti nello sviluppo di tecnologie per la propulsione con energie alternative con l’obiettivo di ridurre al minimo le emissioni inquinanti durante il volo. “L’alternativa dell’adattamento comporta una procedura molto più rapida , evitando il lungo e costoso sviluppo di un aereo da zero“, sottolinea il progetto.

Il consorzio di imprese ha presentato una proposta per un budget complessivo di 42 milioni di euro, l’intenzione del consorzio è quella di cofinanziare il progetto attraverso questa iniziativa pubblico-privata.

Il primo velivolo

La certificazione del primo velivolo è prevista per il 2024. da quel momento seguirà un periodo di industrializzazione e messa in servizio che culminerà con le versioni di diversi velivoli pienamente operativi nel 2026.

Rendering prototipo aereo elettrico regionale di DΔNTE con la livrea di Volotea

Volotea e Air Nostrum

Volotea e Air Nostrum parteciperanno al progetto fornendo informazioni sul mercato, in particolare contribuendo al lavoro delle rispettive aree tecniche . Entrambe le compagnie aeree sperano di essere pioniere nell’applicazione di questa tecnologia sulle rotte regionali.

Abbiamo iniziato la nostra collaborazione con Dante Aeronautical un paio di anni fa, nel 2019. Siamo molto orgogliosi di constatare che oggi il progetto è cresciuto e vanta l’appoggio di un’altra grande compagnia aerea come Air Nostrum e di numerose altre aziende del settore tecnologico spagnolo. Lo sviluppo di un aereo ibrido elettrico ridurrà le emissioni di carbonio, oltre a limitare ulteriormente l’inquinamento acustico. Per noi di Volotea, essere parte di questo progetto ha un grande significato, poiché rispecchia perfettamente la nostra missione di collegare città che necessitano di una migliore offerta e, allo stesso tempo, ci permette di farlo minimizzando l’impatto ambientale. Siamo di supporto a questo progetto fornendo a Dante analisi di mercato e dati tecnici. Inoltre, abbiamo messo a disposizione i nostri ingegneri e il nostro team commerciale per sviluppare in modo congiunto questa opportunità di mercato innovativa”, ha dichiarato Carlos Muñoz, fondatore e CEO di Volotea.

Carlos Bertomeu, presidente di Air Nostrum, ha ricordato che l’idea di innovazione risiede nel DNA della compagnia aerea valenziana. “Air Nostrum è abituata a essere coinvolta in consorzi di ambito continentale che operano nell’avanguardia tecnologica. In due occasioni la nostra area tecnica è stata selezionata dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA) per progetti legati al cambiamento climatico e agli aeromobili guidati da satellite. Infatti, il primo atterraggio della storia d’Europa di un aereo commerciale guidato solamente da segnali emessi dallo spazio, ha visto come protagonista Air Nostrum all’aeroporto di Valencia”. 

A suo parere, in qualità di compagnia aerea regionale di riferimento in Spagna, era dovuto il coinvolgimento di Air Nostrum in questo progetto, così come la sua decisa collaborazione: “Non potendo essere altrimenti, non appena la tecnologia lo permetterà, è nostro più grande interesse operare sulle rotte con propulsione elettrica – continuaBertomeu. – Gli ingegneri e i tecnici di manutenzione del nostro hangar sono davvero entusiasti di poter contribuire con la loro esperienza, mettendola al servizio della progettazione di aerei più sostenibili”.

DΔNTE

DΔNTE è una start-up del settore aerospaziale, presente in Spagna, creata per innovare il settore degli aeromobili, grazie all’integrazione di avanzate tecnologie manifatturiere e impianti aerodinamici alimentati a elettricità.

Per questo scopo, DΔNTE ha dato il via alla progettazione di aeromobili, da 19 a 35 passeggeri, alimentati da Distributed Electric Propulsion (DEP), batterie per l’accumulo di energia e un turbogeneratore a combustione interna con funzione di range extender.

Si prevede che questa tecnologia consentirà la commercializzazione di futuri aeromobili completamente elettrici. Sebbene i piani di DΔNTE prevedano in una prima fase un retrofit che coinvolga un solo impianto alimentato a batteria, questo approccio non sembra realizzabile dal punto di vista commerciale fino al 2030. DΔNTE ritiene, al contrario, che questa soluzione ibrida ridurrà il consumo e le emissioni di oltre il 50% molto prima.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi