airBaltic

airBaltic testa il Travel Pass di IATA

airBaltic proverà il Travel Pass IATA sui voli tra Riga – Amsterdam e Riga – Oslo.

La prova durerà tre settimane e i clienti airBaltic su queste rotte saranno invitati a partecipare alla prova.

Martin Gauss, amministratore delegato di airBaltic : “Viaggiare oggi è diventato sempre più complesso per i passeggeri. Apprezziamo la IATA per aver introdotto una soluzione globale in grado di aiutare a rendere il viaggio più agevole, aumentando l’affidabilità della certificazione di prova che i passeggeri spesso devono presentare agli agenti di imbarco “.

Tālis Linkaits, Ministro dei trasporti della Repubblica di Lettonia: “IATA Travel Pass consentirebbe ad airBaltic di introdurre una soluzione semplice e sicura che aiuterà sia i governi a verificare l’autenticità dei risultati dei test, sia i laboratori a rilasciare certificati che saranno riconosciuti. In particolare, contribuirebbe a ridurre in modo significativo la complessità del viaggio “.

“Il test è la soluzione immediata per riaprire in sicurezza le frontiere e ricollegare le persone. E alla fine è probabile che questo passi ai requisiti di vaccinazione. In entrambi i casi, un sistema sicuro per gestire i test COVID-19 o le informazioni sulle vaccinazioni è fondamentale. Il Travel Pass IATA è una soluzione di cui possono fidarsi sia i viaggiatori che i governi. Ed è stato costruito con la sicurezza dei dati, la comodità e la verifica come priorità principali. Siamo orgogliosi di collaborare con airBaltic e il governo lettone per introdurre IATA Travel Pass . Questo è un passo importante per consentire i viaggi internazionali durante la pandemia, dando ai viaggiatori la certezza di soddisfare tutti i requisiti di ingresso COVID-19 “, ha affermato Rafael Schvartzman, Vicepresidente regionale IATA per l’Europa.

Per saperne di più del Travel Pass IATA.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi