Lufthansa

Il volo più lungo di Lufthansa

Il volo più lungo di Lufthansa con a bordo i ricercatori dell’Istituto Alfred Wegener, da Amburgo alle Isole Falkland.

Il volo speciale sara’ operato con un Airbus A350-900.

Il volo passeggeri di Lufthansa più lungo della sua storia.

Ma e’ anche uno dei voli più insoliti che la compagnia aerea abbia mai operato, un Airbus A350-900, volerà senza scalo per 13.700 chilometri da Amburgo a Mount Pleasant nelle Isole Falkland.

15 ore di volo, a bordo del volo charter LH2574 ci saranno 92 passeggeri, metà dei quali parteciperanno al viaggio scientifico e l’altra metà sarà l’equipaggio della prossima spedizione con la nave di ricerca Polarstern.

Siamo felici di poter sostenere una spedizione di ricerca polare in questi tempi difficili. L’impegno nella ricerca sul clima è molto importante per noi. Siamo attivi in questo campo da più di 25 anni e abbiamo dotato aeromobili selezionati di strumenti di misura. Con i dati raccolti durante la crociera, scienziati di tutto il mondo perfezionano i modelli climatici e migliorano le previsioni del tempo “, afferma Thomas Jahn, capitano della flotta e project manager di Falkland.

L’equipaggio volontario del volo LH2574 e’ in quarantena da sabato scorso

L’equipaggio per i requisiti di sicurezza sanitaria legati alla particolare destinazione , così come tutti i ricercartori che si imbarcheranno sul volo per Mount Pleasant, sono in quarantena da sabato scorso.

I preparativi per il volo sono numerosi e del tutto specifici per la destinazione di Mount Pleasant, l’addestramento aggiuntivo per i piloti, tramite speciali mappe elettroniche di volo e atterraggio.

L’Airbus A350-900 è di base a Monaco, l’imbarco e il carico delle merci e i bagagli che verranno tutti disinfettati, avverrà ad Amburgo.

Oltre all’equipaggio, il team Lufthansa comprende anche tecnici e personale di terra per la movimentazione e la manutenzione nella base militare di Mount Pleasant.

Il volo ripartirà dalla base militare il 3 febbraio con il numero di volo LH2575 con destinazione Monaco non più Amburgo, a bordo ci sarà l’equipaggio della Polarstern, che ha lasciato Bremerhaven il 20 dicembre per rifornire la stazione Neumayer III in Antartide e che ora è in fase di cambio.

“Ci siamo preparati meticolosamente per questa spedizione, che abbiamo pianificato per anni e che ora possiamo intraprendere nonostante la pandemia. Nell’Oceano Antartico, raccogliamo da decenni dati elementari sulle correnti oceaniche, sul ghiaccio marino e sul ciclo del carbonio. Poiché queste misurazioni a lungo termine costituiscono la base per la nostra comprensione dei processi polari e Con le tanto necessarie previsioni climatiche, è importante che la ricerca in Antartide continui in questi tempi difficili. Non possiamo consentire grandi lacune di dati nella ricerca sul clima. Nel World Risk Report del World Economic Forum, pubblicato di recente, continua a contare un fallimento nella lotta al cambiamento climatico i maggiori pericoli per l’umanità “, afferma il dott. Hartmut Hellmer, oceanografo fisico presso l’AWI e direttore scientifico della prossima spedizione Polarstern. “I nostri ringraziamenti vanno anche ai nostri colleghi della logistica AWI. Il loro vasto concetto di trasporto e igiene ci consente di esplorare l’Antartico con un team scientifico internazionale, in un momento in cui altre importanti spedizioni dovevano essere annullate “, riferisce Hellmer.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi