Norwegian

Termina il lungo raggio di Norwegian

Tempo di lettura 2 minuti

Norwegian prevede di non operare più nel lungo raggio, concentrandosi sul medio raggio in Europa, Norwegian è stata la prima compagnia europea a scommettere sul lungo raggio low-cost.

Norwegian ha annunciato di aver riavviato i colloqui con il governo su possibili nuovi aiuti governativi per la sua ristrutturazione.

Termina così quello che era solo un sogno del suo fondatore Bjorn Kjos, che divenne realtà ed aprì la strada al low cost per il lungo raggio.

“La società ha recentemente ripreso un dialogo con il governo norvegese sulla possibile partecipazione statale sulla base dell’attuale piano aziendale”, ha affermato il vettore in una nota. 

“La nostra rete a corto raggio è sempre stata la spina dorsale di Norwegian e costituirà la base di un futuro modello di business resiliente”, aggiunge Jacob Schram, CEO di Norwegian.

Norwegian che attualmente operativi solo 6 aerei per le rotte europee e domestiche in Norvegia ha da poco richiesto la procedura fallimentare in Irlanda, per la ristrutturazione del debito.

Il piano sottoposto al tribunale prevede di ridurre la flotta da 140 a circa 50 aerei e di ridurre il suo debito totale a circa 20 miliardi di corone norvegesi (2,4 miliardi di dollari) e ad aumentare la liquidità tra i 4 ei 5 miliardi di corone con un mix di nuove azioni e capitale ibrido.

Il piano attuale di Norwegian quindi è quello di servire i mercati europei e domestici, con circa 50 velivoli nel 2021, che dovrebbero aumentare a 70 nel 2022.

Questa decisione, implica che il personale delle basi per il lungo raggio in Italia, Francia, Regno Unito e Stati Uniti rientreranno all’interno della procedura fallimentare e potrebbero perdere il loro posto di lavoro.

Sono lieto di presentare oggi un solido piano aziendale, che fornirà un nuovo inizio per l’azienda. Concentrando la nostra attività su una rete a corto raggio, miriamo ad attrarre investitori nuovi e esistenti, servire i nostri clienti e supportare la più ampia infrastruttura e l’industria dei viaggi in Norvegia e nei paesi nordici e in Europa “, ha affermato Schram.

Il nostro obiettivo è ricostruire un norvegese forte e redditizio in modo da poter salvaguardare quanti più posti di lavoro possibile. Non ci aspettiamo che la domanda dei clienti nel settore del lungo raggio si riprenda nel prossimo futuro e il nostro obiettivo sarà quello di sviluppare la nostra rete a corto raggio man mano che usciremo dal processo di riorganizzazione“, ha affermato Schram. “È con il cuore pesante che dobbiamo accettare che ciò avrà un impatto sui colleghi dedicati di tutta l’azienda. Vorrei ringraziare ciascuno dei nostri colleghi interessati per la loro instancabile dedizione e contributo al norvegese nel corso degli anni “.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi