Prime Minister's Office, 10 Downing Street Brexit

Brexit, ecco in sintesi l’accordo raggiunto

Tempo di lettura 3 minuti

In questo articolo un documento di sintesi con le disposizioni fondamentali dell’accordo siglato tra Regno Unito e Unione Europea per la Brexit.

La Parte 2 del documento di circa 500? 1300? 2000! … pagine … nessuno lo sa! … comprende la parte normativa per il commercio, trasporti, pesca e altri accordi.

Il primo ministro inglese Boris Johnson, durante la conferenza stampa di ieri per l’annuncio di un accordo tra Regno Unito e UE per la Brexit

4.2 Aviazione

Titolo I – Trasporto aereo

99. L’accordo si basa su precedenti esistenti e stabilisce le modalità per la prestazione di servizi di trasporto aereo tra il Regno Unito e l’UE. Le compagnie aeree britanniche che alla fine di dicembre 2020 sono possedute e controllate dalla maggioranza da cittadini britannici e / o UE / SEE / EFTA possono continuare a operare servizi di trasporto aereo tra il Regno Unito e l’UE. Le compagnie aeree dell’UE che sono la maggioranza di proprietà e controllate da cittadini UE / SEE / EFTA possono anche continuare a operare servizi di trasporto aereo tra il Regno Unito e l’UE.

100. L’accordo prevede flessibilità operativa per le compagnie aeree del Regno Unito e dell’UE. Ad esempio, le compagnie aeree del Regno Unito possono noleggiare aeromobili ed equipaggio da compagnie aeree britanniche o dell’UE e altri fornitori per operare servizi di trasporto aereo tra il Regno Unito e l’UE. Le compagnie aeree britanniche avranno anche ampie opportunità di cooperare con altre compagnie aeree per offrire una vasta gamma di biglietti ai consumatori.

101. L’accordo riflette l’ambizione condivisa del Regno Unito e dell’UE di cooperare in futuro, compresi gli impegni per la cooperazione e la consultazione continue in materia di gestione del traffico aereo, sicurezza aerea e protezione dei consumatori.

102. L’accordo stabilisce inoltre le condizioni alle quali non sarebbe consentito l’esercizio di servizi di trasporto aereo tra il Regno Unito e l’UE. I motivi di tale azione includono motivi di sicurezza e protezione aerea.

Titolo II – Sicurezza aerea

103. L’accordo è ampiamente in linea con il precedente e definisce un quadro per la cooperazione in materia di sicurezza aerea e un processo per concordare gli allegati all’accordo che faciliteranno il riconoscimento dei certificati, delle approvazioni e delle licenze del Regno Unito e dell’UE. Le aree in cui il Regno Unito e l’UE potrebbero concordare gli allegati in futuro includono: monitoraggio delle organizzazioni di manutenzione; licenze e formazione del personale; operazione di aeromobili; e gestione del traffico aereo.

104. L’allegato sull’aeronavigabilità dell’accordo stabilisce le condizioni affinché il Regno Unito e l’UE riconoscano reciprocamente i prodotti e i progetti aeronautici. Ad esempio, modifiche e riparazioni minori a prodotti e progetti aeronautici approvati nel Regno Unito saranno automaticamente accettate dall’UE. Inoltre, l’allegato prevede la possibilità per l’UE di estendere il proprio campo di applicazione del riconoscimento automatico dei prodotti e dei progetti aeronautici del Regno Unito una volta acquisita fiducia nella capacità del Regno Unito di supervisionare la certificazione dei progetti.

105. L’allegato prevede anche il riconoscimento dei certificati di produzione e il controllo regolamentare. Ad esempio, i certificati di produzione e la supervisione del Regno Unito saranno automaticamente riconosciuti dall’UE a condizione che i prodotti aeronautici pertinenti fossero soggetti alla supervisione del Regno Unito prima della fine di dicembre 2020.

Il testo completo qui.

Regolamento UE n. 1008/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio – Regole in materia di proprietà e controllo dei vettori aerei dell’UE

Nel documento di sintesi nessun accenno al regolamento UE n. 1008/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio – Regole in materia di proprietà e controllo dei vettori aerei dell’UE, dove viene specificato che un vettore può operare voli interni alla UE solo nel caso in cui la maggioranza delle azioni sia in mano a soggetti UE.

Dovremo aspettare di poter leggere le circa XXXX pagine dell’accordo per avere la certezza che questo specifico argomento sia stato trattato e regolamentato, per evitare controversie legali.

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi