easyJet

Le dimissioni di Lauterbach in easyJet

Mentre ci sono avvisaglie di una nuova apparizione di Stelios domani per il GM di easyJet, siamo venuti a conoscenza del motivo per cui Anastassia Lauterbach si è dimessa con effetto immediato.

Anastassia Lauterbach ricopriva nel consiglio di amministrazione di easyJet il ruolo di direttore non esecutivo, ma ricopriva un ruolo ben più importante in altro gruppo …

Lauterbach lascia anche il ruolo di presidente del comitato per i rischi e la conformità del gruppo tedesco Wirecard.

Wirecard AG è una società tedesca di tecnologie e servizi finanziari operante a livello mondiale dal 1999, offre soluzioni per i pagamenti elettronici, la gestione dei rischi e l’emissione di carte di credito a oltre 7.000 clienti.

In seguito ad un buco di 1,9 miliardi di euro, il 25 giugno 2020 la società ha presentato istanza di fallimento, avviandosi verso la bancarotta.

Questo il motivo per cui il gruppo consultivo degli azionisti ISS di easyJet ha messo in dubbio la sua carica nella compagnia aerea.

Persone che hanno familiarità con le discussioni sul consiglio di sorveglianza di Wirecard hanno riferito al Financial Times che la signora Lauterbach aveva chiesto internamente il licenziamento dell’amministratore delegato di Wirecard Markus Braun e del suo funzionario operativo Jan Marsalek mesi prima del collasso della società.

La posizione della Lauterbach sembra quindi assolutamente estranea al fallimento di Wirecard ma come sempre accade in questi casi, influenza negativamente il lavoro delle persone che siedono in ruoli di responsabilità.

“Sebbene fosse una nomina relativamente recente nel consiglio di amministrazione di Wirecard, i fallimenti nella gestione del rischio, nella supervisione e nella governance dell’azienda sono di una categoria che maccherebbe il record di qualsiasi amministratore“, ha affermato ISS che ha consigliato agli investitori di astenersi durante il voto sulla sua rielezione nel consiglio di amministrazione di easyJet alla riunione annuale di mercoledì prossimo, ecco quindi la decisione di dimettersi con effetto immediato.

Altri due gruppi consultivi degli azionisti, Glass Lewis e Pirc, hanno invece, raccomandato agli azionisti di sostenere la sua rielezione.

L’ISS in una dichiarazione rilasciata all’inizio di dicembre dopo la pubblicazione della raccomandazione ISS, easyJet aveva anche affermato che “riteniamo che Anastassia sia stata una forza trainante chiave negli sforzi per migliorare la governance e la struttura di supervisione del rischio presso la società e abbia dato un contributo sostanziale alla la ribalta ”.

Ma come ha affermato Roger Barker, direttore della corporate governance presso l’Institute of Directors, ha affermato che “i consigli di amministrazione riescono o falliscono come una squadra” indipendentemente dagli sforzi individuali di un amministratore. Non c’è modo di sfuggire all’impatto sulla reputazione di essere associati a un team che fallisce nella sua responsabilità di base di garantire che il quadro di governance nel suo insieme sia adatto allo scopo”.

Stelios Haji-Ioannou

Ma la sua rielezione era gia’ in bilico, il maggiore azionista di easyJet, Stelios Haji-Ioannou, aveva già fatto sapere che avrebbe votato contro, prima dell’annuncio delle dimissioni.

Il Financial times rivela altre informazioni sulle decisioni di foto della famiglia Haji-Ioannou, voteranno contro le politiche di remunerazione e la riconferma di PwC come revisore dei conti e di astenersi su una mozione che spiana la strada al consiglio per un aumento di capitale dagli azionisti se sarà necessario.

Anche Pirc ha raccomandato agli azionisti di opporsi alla nuova politica di remunerazione, che include modifiche alla struttura retributiva dei dirigenti.

Stelios Haji-Ioannou, aveva già fatto sapere che avrebbe votato contro, prima dell’annuncio delle dimissioni.
Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi