Brexit

La CAA prende la prima decisione “sovrana” Brexit.

Ryanair ha cancellato alcune rotte domestiche nel Regno Unito in disaccordo con le nuove norme della CAA UK.

La CAA Civil Aviation Autority, ha affermato che le regole a cui si oppone Ryanair non sono nuove regole.

Ryanair aveva concordato con la CAA due anni fa un accordo di emergenza nel caso di Hard Brexit.

La CAA ha invece imposto regole più stringenti per operare voli nazionali nel Regno Unito, i voli dovranno essere operati con aeromobili registrati in UK e Ryanair ne ha solo uno.

Quindi impossibile per Ryanair operare le 12 rotte cancellate con un solo aereo e senza preavviso non e’ stato possibile mettere in atto azioni poste ad evitare questo improvviso stop.

Questo può essere considerato un primo effetto della Brexit senza accordo, che però ancora una volta ha effetti sul Regno Unito a danno dei passeggeri inglesi, a rischio a questo punto anche la base della’aeroporto di Stansted, se la CAA manterrà la sua posizione non possiamo escludere che Michael passi a decisione drastriche.

La CAA ha affermato che la politica non ha nulla a che fare con la Brexit e che la decisione di cancellare i voli è stata presa solo da Ryanair.

A questo punto mi aspetto dall’Europa, essendo Ryanair europea così come Wizz Air, un assoluto rigore nell’applicazione delle regole previste per i vettori extra comunitari, in particolare nel rispetto della maggioranza provata delle azioni in mano a soggetti UE e un attenzione particolare ad evitare che “giochetti di consiglio” possa o trovare una scappatoia alla norma.

Il 2021 sarà un anno di duro lavoro per gli amministratori legali di easyJet e di IAG(Iberia, Vueling).

Luca Gorrasi
Nato a Mestre, dove vivo tutt’ora, laureato in informatica, IT e WEB specialist, ho unito la mia passione per il settore #aviation e il web, fondando questo blog nel 2017

Rispondi